Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Musei da visitare

Cose da sapere e da vedere

Ultimo aggiornamento il 28 gennaio 2017 alle 13:53
Cartina del centro storico di Sarzana (Foto Comune di Sarzana)

 

Museo Diocesano di Sarzana

 museosarzana@diocesilaspezia.it
Tel. 0187-603102

Il Museo Diocesano di Sarzana nasce dalla volontà di custodire e valorizzare il consistente patrimonio artistico presente, prevalentemente, nel territorio della bassa Val di Magra.
Il Museo ha come sede l'Oratorio della Misericordia è collocato fra la Basilica di Santa Maria Assunta, antica Cattedrale, la Cittadella rinascimentale e il Teatro degli Impavidi, una posizione che lo inserisce a pieno titolo in un itinerario artistico di altissimo livello.
L'Oratorio venne edificato verso la fine del 1500 dalla Confraternita della Misericordia, o dei Neri, istituita a Sarzana il 1° aprile 1578 ed il cui scopo consisteva nell'assistenza agli indigenti, infermi e ammalati.
Il Museo Diocesano di Sarzana è articolato in sei sale: Sala degli argenti, Sala degli armadi, Sala delle ardesie, sala dedicata al Preziosissimo Sangue, Sala Calandrini e una sala con altre opere di pittura e scultura provenienti dalla Diocesi.

 

Museo Audiovisivo della Resistenza

  www.museodellaresistenza.it
 info@museodellaresistenza.it
Tel. 0187-680014

Il Museo Audiovisivo della Resistenza, sito in una restaurata colonia montana estiva, costituisce un monumento alla pace in una zona che è stata teatro di stragi e di violenti scontri tra partigiani, tedeschi e fascisti.
Il Museo, inaugurato nel 2000, è costituito da una moderna installazione audiovisiva e da supporti multimediali, che consentono organici percorsi di indagine storica e di approfondimento didattico sui temi della Resistenza o della costruzione della democrazia in Italia.
Antiche forme narrative, come la tradizione del racconto orale, e nuove tecnologie, come videoproiezioni sincronizzate e interattive, convivono nel grande tavolo del museo, a sua volta sovrastato da un lungo schermo su cui vengono proiettati i volti, antichi e spesso scomparsi, dei protagonisti o dei testimoni della Resistenza.

 

Fortezza di Sarzanello

  www.fortezzadisarzanello.com
 info@earth-ambiente.it
Tel. 0187-622080
Fax 0187-622080

La Fortezza domina con la sua imponente costruzione la vallata del Magra dall’alto del colle di Sarzanello.
Menzionata per la prima volta come struttura a scopo militare in un diploma (Codice Pelavicino) del 963, la Fortezza subì una profonda trasformazione sotto la Signoria Fiorentina (XV secolo), con la costruzione dei tre torrioni e del rivelino che probabilmente inglobò l'antica torre del castrum.
Alla Fortezza di Sarzanello si svolgono tutti gli anni, nel periodo primavera-estate, rievocazioni storiche e duelli in costume, cene rinascimentali, concerti e mostre.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.