Quotidiano Nazionale logo
7 mag 2022

Nel nome di Ciardi e di Focosi L’intitolazione del campo centrale

Furono capaci di conquistare il titolo italiano a squadre veterani nel 1982, superando la coppia Pietrangeli-Sirola

Lapo Focosi e Loris Ciardi in una foto storica. A loro è intitolato il campo centrale
Lapo Focosi e Loris Ciardi in una foto storica. A loro è intitolato il campo centrale
Lapo Focosi e Loris Ciardi in una foto storica. A loro è intitolato il campo centrale

Le finali della 38ª edizione del Torneo Internazionale Under 18 si giocheranno sul campo Ciardi-Focosi. Il centrale è stato intitolato a due figure emblematiche del tennis pratese e del Tc Prato: Loris Ciardi e Lapo Focosi, due atleti fenomenali, capaci di conquistare il titolo italiano a squadre veterani, nel 1982, superando nel doppio decisivo niente meno che la coppia più forte in Italia e tra le più forti al mondo, composta da Nicola Pietrangeli e Orlando Sirola. Il loro modo d’essere, la grande competenza tennistica e il fatto di essere stati due punti di riferimento per tutti coloro che giocavano a tennis e frequentavano il circolo di via Firenze non è stato dimenticato. Proprio per questo Il nuovo consiglio del Tc Prato, con in testa il presidente Marco Romagnoli, come primo atto ha voluto intitolare loro il campo centrale, dove nel passato sono stati giocati per ben due volte gli incontri di Coppa Davis e i campionati italiani assoluti. Tanti campioni, in questi decenni, hanno giocato sul centrale del Tc Prato prima di spiccare il volo. Alla presenza delle due famiglie è stata scoperta una targa commemorativa. Un riconoscimento che Edoardo Nesi aveva chiesto, a nome di tanti soci e amici, per ricordare queste due figure simbolo. "Momento più adatto, durante la presentazione del Torneo Internazionale Under 18, non poteva esserci per questa commemorazione con le famiglie, gli amici e le autorità amministrative e tennistiche che conoscevano bene sia Lapo che Loris – ha spiegato il presidente del Tc Prato, Romagnoli – . Un atto dovuto per due figure che sono stati dei veri punti di riferimento per tutti noi, in campo e fuori dal campo".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?