Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Bosi e Ilaria Santi: le carte del Pd pratese per la Camera

Sono due le proposte di candidatura che il Pd pratese assieme al sindaco Biffoni farà al segretario Renzi 

Ultimo aggiornamento il 9 gennaio 2018 alle 07:30
La presidente del consiglio comunale Ilaria Santi

Prato, 9 gennaio 2018 - Sono due le proposte di candidatura che il Pd pratese assieme al sindaco Biffoni farà al segretario Renzi e ai dirigenti nazionali del partito per il collegio uninominale della Camera: oltre al segretario provinciale Gabriele Bosi, c’è anche una donna, la presidente del consiglio comunale Ilaria Santi, forte delle preferenze record ottenute alle ultime amministrative.

La partita però non è detto sia solo fra i due pratesi, visto che l’ipotesi di un candidato civico nazionale resta in campo (fra i nomi, quello di Lucia Annibali, paladina della battaglia contro la violenza sulle donne). Esce invece di scena l’opzione Nicola Ciolini: il consigliere regionale resterà infatti al suo posto. E Antonello Giacomelli con ogni probabilità sarà candidato nei listini bloccati del proporzionale, in posizione sicura.

Intanto, resta apertissima anche la partita a sinistra. Dove Liberi e Uguali di Pietro Grasso non ha speranza di poter eleggere qualcuno, ma lavora per sottrarre voti preziosi al Pd. La ‘vecchia ditta’ prova dunque a rilanciarsi: fra le ipotesi resta quella di Gianni Del Vecchio, personalità tra le più autorevoli di Mdp che, potrebbe procurare più di un pensiero al partito di Bosi e Biffoni. Perde quota invece il nome dell’ex parlamentare Andrea Lulli e non decolla quello del coordinatore degli scissionisti, il giovane Lorenzo Chiani. Voci insistenti suggerivano poi un altro giovane, Diego Blasi, come candidato sponsorizzato direttamente da Laura Boldrini. Ma Blasi, nonostante il sostegno a LeU, sembra già con la testa alle amministrative del 2019. E allora ecco spuntare la carta del Papa straniero, che in questo momento sembra la più probabile. In questo senso alcuni indiscrezioni parlano della possibile candidatura della presidente dell’Anpi Angela Riviello. Un nome che potrebbe mettere in difficoltò il Pd. Nulla però sembra scontato.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.