Prato, 6 luglio 2018 - Lancio di uova oggi, venerdì 6 luglio, contro la porta di ingresso degli uffici della sede provinciale del Pd a Prato. A darne notizia lo stesso partito che parla di «un nuovo atto di vandalismo». «È il terzo episodio in poco meno di due mesi - spiega il segretario provinciale Dem Gabriele Bosi -. Si tratta di un evidente accanimento da parte di persone incivili, che preferiscono agire così invece di confrontarsi democraticamente».

«Bisogna dire - aggiunge - che questi atti si inseriscono in un contesto di casi simili avvenuti anche nel resto del Paese: penso al finto ordigno posto recentemente davanti alla sede del Pd regionale o alle tante scritte neofasciste che spesso imbrattano le sedi del nostro partito a Roma. È un clima preoccupante, ma ribadisco a nome di tutto il partito che certi attacchi non intimidiscono minimamente la nostra comunità, che continua con lo stesso impegno di sempre il proprio lavoro».

Quanto accaduto alla sede del Pd pratese, spiega sempre Bosi, è stato segnalato alle forze dell'ordine, «procedendo con le denunce formali del caso. Abbiamo fatto presente questa situazione anche al prefetto Scialla, che ringraziamo per l'attenzione e la disponibilità. Siamo un partito in cui la possibilità di dialogare non manca mai, siamo presenti sul territorio e ci mettiamo sempre la faccia: un motivo in più per non tollerare questo genere di aggressioni».