Prato, 17 aprile 2018 - La Dda di Firenze, pm Angela Pietroiusti, sta indagando anche per l'ipotesi di omicidio e occultamento di cadavere di una ragazza nigeriana nell'ambito dell'inchiesta che ha portato al fermo di tre persone, tutte originarie della Nigeria, accusate di tratta, sfruttamento della prostituzione, stupri di gruppo e violenze nei confronti di giovanissime connazionali costrette a vendersi in Italia.

La ragazza sarebbe scomparsa dalla casa di Prato dove sarebbero avvenute le violenze e le ragazze sarebbero state costrette a prostituirsi. In base a quanto emerso, ci sarebbero testimonianze in merito a una giovane ferita all'addome con una bottiglia dall'uomo poi sottoposto a fermo e di cui non si è saputo più niente.

Secondo le indagini, in caso di ribellione delle ragazze sfruttate, sempre lo stesso uomo fermato avrebbe organizzato con altri connazionali stupri e violenze per costringerle a continuare a prostituirsi e a consegnare i soldi del riscatto percepito per portarle in Italia.