Sarà stato il bel tempo, sarà stato perché c’era aria di festa con tante persone che hanno scelto di fare il ponte del 2 giugno, fatto sta che ieri mattina la fila per entrare al mercato, da ognuno dei tre ingressi (viale Galilei, via Protche e via Bologna), superava di gran lunga le cento persone. Un serpentone ordinato...

Sarà stato il bel tempo, sarà stato perché c’era aria di festa con tante persone che hanno scelto di fare il ponte del 2 giugno, fatto sta che ieri mattina la fila per entrare al mercato, da ognuno dei tre ingressi (viale Galilei, via Protche e via Bologna), superava di gran lunga le cento persone. Un serpentone ordinato di uomini e donne in attesa del proprio turno di accesso all’area del mercato è stata la fotografia della giornata di ieri. Fin dalle prime ore della mattina c’è stata una super affluenza che in qualche caso ha scoraggiato alcuni avventori a mettersi in coda sotto il sole. Il mercato del lunedì mattina si conferma uno degli appuntamenti più gettonati dai pratesi soprattutto ora che i banchi sono tornati praticamente al completo con tutte le categorie merceologiche rappresentate. Non solo frutta e verdura, ma anche casalinghi, abbigliamento, calzature, piante e animali. Le file all’ingresso sono rimaste costanti per tutta la mattina fino all’ora di pranzo quando finalmente, per gli acquisti dell’ultimo minuto, è stato possibile entrare senza coda. Con l’ingresso nella fase 2 l’area del mercato, inizialmente limitata solo ad una parte, è stata estesa su tutta piazza del Mercato Nuovo e gli ingressi sono stati triplicati: adesso si entra da via Bresciviale Galilei; via Brescivia Bologna; via Protche. Vicino alla zona dei banchi alimentari inoltre è stata predisposta un’area di circa 900 metri: un polmone utilizzato per non affollare i banchi e quindi aspettare il proprio turno in sicurezza. Un’accortezza necessaria anche perché davanti ad ogni ambulante è consentita la presenza soltanto di due persone.