Vernio (Prato), 23 dicembre 2017 - San Benedetto Val di Sambro, sull'Appennino bolognese, ha commemorato con una cerimonia il 33esimo anniversario della strage del Rapido 904. Alle 19.08 di domenica 23 dicembre 1984 un ordigno sistemato nella nona carrozza del treno esplose con una carica radiocomandata, mentre percorreva i 18 km della galleria Direttissima, tra le stazioni di Vernio e San Benedetto.

Luoghi non distanti da quelli dell'attentato al treno Italicus, il 4 agosto di dieci anni prima, che fece 12 morti e 48 feriti. La bomba sul 904 provocò 16 morti e 267 feriti: il treno era partito alle 12.55 dal binario 11 di Napoli Centrale diretto a Milano, carico di persone in viaggio per le feste natalizie.

LE FOTO DELL'ARCHIVIO DI NEDO COPPINI

 LE FOTO DELL'ARCHIVIO ANSA 

I soccorsi furono difficili, con il convoglio fermo dentro al tunnel e i collegamenti radio in tilt. Il boss Totò Riina, morto poco più di un mese fa a Parma, era l'unico imputato a Firenze al processo d'appello sulla strage, con l'accusa di esserne mandante. In primo grado Riina era stato assolto.