Storie di arte ferita e arte salvata. Da Botticelli a Piero della Francesca

Stasera conferenza ad ingresso libero al Museo dell’Opera del Duomo in occasione dei giovedì di luglio. Alessia Cecconi, presidente della Fondazione Cdse, parlerà dei salvataggi delle opere dei due grandi artisti .

Storie di arte ferita e arte salvata. Da Botticelli a Piero della Francesca

Storie di arte ferita e arte salvata. Da Botticelli a Piero della Francesca

Il rocambolesco viaggio della salvezza del polittico di Piero della Francesca, sotto le bombe su un camion attraverso la Toscana, i ricoveri di fortuna della primavera del Botticelli e il disperato lavoro di ricerca di Leonetto Tintori, che per giorni raccolse e mise al sicuro i frammenti della Tabernacolo di Mercatale di Filippo Lippi fatto in mille pezzi dopo i bombardamenti del 7 marzo 1944. È una lunga storia di speranza e di salvezza quella che stasera, alle 21, la direttrice della Fondazione Cdse Alessia Cecconi racconterà nel corso della conferenza "Botticelli e Piero della Francesca in guerra. Alcuni casi di salvataggi eccezionali durante il secondo conflitto mondiale", evento inserito nei giovedì di luglio del Museo dell’Opera del Duomo. La conferenza è a ingresso gratuito con accesso da via Santo Stefano. Le aperture serali straordinarie del Museo, con una serie di attività e proposte per tutti i giovedì di luglio, consentono di visitare i capolavori in un orario insolito. Nel museo prosegue fino al 28 luglio anche la mostra "Arte Ferita, Arte Salvata. Chiese e patrimonio artistico a 80 anni dal bombardamento di Prato" curata dai Musei Diocesani di Prato e dalla Fondazione Cdse e aperta tutti i giovedì di luglio dalle 21 fino a mezzanotte. Apertura straordinaria stasera anche del Museo del Tessuto, dalle 21 alle 23.30, con possibilità di visitare la mostra "Walter Albini. Il talento, lo stilista" a un prezzo agevolato di 6 euro. Arte, moda e… musica. Stasera, alle 21.30, nello spazio antistante al museo, sarà la volta del primo appuntamento di Telaive Jam Session, a cura di Food Fabbrica. Nell’ambito della Prato Estate 2024, "Telaive" è una rassegna di concerti di musica improvvisata sotto forma di jam session, volta al coinvolgimento di più musicisti possibili: presente a ogni appuntamento una resident band formata da quattro musicisti professionisti che eseguiranno musica improvvisata e che si alterneranno con altri musicisti del pubblico, per creare un’esperienza collaborativa e spontanea senza scaletta né spartiti predefiniti. Evento a ingresso libero fino a esaurimento posti.