Sicurezza dei corsi d’acqua . Raffica di interventi sulla Furba. Ma servono ancora 6 milioni

Dopo l’alluvione sono stati eseguiti una serie di lavori per circa 800.000 euro per la ricostruzione degli argini del torrente a Seano. Il Consorzio di bonifica chiede però nuovi investimenti.

Sicurezza dei corsi d’acqua . Raffica di interventi sulla Furba. Ma servono ancora 6 milioni

Sicurezza dei corsi d’acqua . Raffica di interventi sulla Furba. Ma servono ancora 6 milioni

Otto mesi dall’alluvione e quattro interventi di messa in sicurezza dei corsi d’acqua completati. Il Consorzio di bonifica Medio Valdarno ha effettuato a Carmignano lavori per 805.000 euro. Si tratta di opere completate o prossime alla conclusione ma ne restano ancora altre due da finanziare per ben 6 milioni di euro. Il Consorzio ha lavorato sul torrente Furba a diverse ricostruzioni sugli argini: a monte dell’abitato di Seano con un intervento costato 100.000 euro; al ripristino di sponda e argine sinistro in prossimità della scuola elementare Quinto Martini, sempre a Seano, per una spesa di 95.000 euro; a vari ripristini di sponde e argini in riva destra per un valore di 110.000 euro.

Vari altri interventi di riparazione sono stati eseguiti e altri saranno completati nelle prossime settimane, con un impegno di 500.000 euro, lungo il rio Barberoni, al confine tra i Comuni di Quarrata e Carmignano.

"Gli interventi concordati ed eseguiti dal Consorzio – spiega l’assessore all’ambiente e vicesindaco Federico Migaldi – sono iniziati subito dopo l’alluvione. Interventi di immediata urgenza che hanno messo in sicurezza le situazioni più critiche. Un primo tempo a cui, come indicato dallo stesso commissario, seguiranno opere più strutturali. La cura del territorio è sempre stata una priorità di questa amministrazione. Gli eventi di novembre furono eccezionali, ma a parte la loro straordinarietà, la sicurezza idraulica è al primo posto nella volontà del Comune". Cosa c’è da fare per alzare il livello di sicurezza? Il Consorzio di bonifica Medio Valdarno ha segnalato al commissario regionale la necessità di realizzare nuove difese idrauliche sul torrente Furba per un valore di 4,5 milioni di euro; la riprofilatura delle scarpate del rio Barberoni per 1,5 milioni di euro. Le proposte sono attualmente al vaglio per il finanziamento delle strutture regionali e di governo. Nel frattempo hanno preso avvio le manutenzioni ordinarie con due-tre passaggi di sfalcio della vegetazione sui tratti arginati e urbani per un fronte di oltre 31 km, le piccole riparazioni incidentali e, per tutto il prossimo inverno, su più di 15 km le operazioni, come quelle in atto sul rio Caselli, di diradamento selettivo delle alberature nei tratti più collinari dei corsi d’acqua.