Francesco Agnello insegna musica alla scuola media Convenevole. Venerdì si è esibito con il suo  gruppo, i Rasenna Brass
Francesco Agnello insegna musica alla scuola media Convenevole. Venerdì si è esibito con il suo gruppo, i Rasenna Brass

Prato, 11 febbraio 2019 - Dalle lezioni con gli studenti della scuola media Convenevole al Festival di Sanremo. Chissà che sorpresa per gli alunni vedere il prof di musica protagonista sul palco dell’Ariston. Ma il più emozionato è stato senz’altro lui, Francesco Agnello, insegnante di musica in via Primo Maggio. Venerdì, con il suo gruppo – i Rasenna Brass – ha duettato con gli Zen Circus e Brunori Sas. Una serata da vera star, davanti a milioni di telespettatori.

"Un’emozione indescrivibile – commenta Francesco Agnello – Per me era la prima volta al festival, è stato bellissimo. Non solo per l’esibizione in sé ma anche per tutta la preparazione e il grande lavoro che c’è stato dietro nel buttare giù l’arrangiamento". La chiamata è arrivata all’improvviso, grazie ai manager di Woodworm, l’etichetta discografica dei Rasenna Brass, che produce anche la musica degli Zen Circus, altra band aretina. Con il suo gruppo di ottoni, Francesco ha suonato un po’ ovunque, dalle piccole piazze di paese ai matrimoni. Venerdì la ricompensa più bella nel tempio della musica italiana.

"Sinceramente non ci aspettavamo questa chiamata – spiega il musicista – abbiamo avuto pochissimo tempo per prepararci, un paio di prove ad Arezzo e poi via per Sanremo. Grazie a questa esperienza ho conosciuto tante belle persone, che come me amano la musica. I complimenti più belli che ho ricevuto? Quelli del maestro d’orchestra, Carlo Carcano. Ha detto che abbiamo superato ogni aspettativa". Durante l’esibizione Francesco ha suonato il corno e scaricato tutta l’adrenalina accumulata.

"Perché una volta che sali sul palco non pensi più a niente – racconta – Solo dopo ho veramente realizzato. È stata una soddisfazione enorme, la migliore ricompensa per tutto il lavoro svolto in questi anni». Adesso i Rasenna Brass non intendono fermarsi. «Sfruttando anche la visibilità del festival vogliamo pubblicare un nostro disco", annuncia Francesco, aretino d’origine ma pratese d’azione. Il suo cellulare in questi giorni è stato tempestato di messaggini. Tra questi anche i complimenti di studenti e insegnanti della scuola Convenevole.

"Mi hanno ricoperto con una grande ondata d’affetto. Ho avvisato i colleghi della mia esibizione solo il giorno prima, è stata una grande sorpresa per tutti. Adesso non vedo l’ora di tornare in classe per sentire la reazione dei miei studenti".