Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Violenze sulla bambina, il sacerdote: "Sì, ho sbagliato". Ecco il perché dei domiciliari

L'interrogatorio del religioso dell'hinterland fiorentino trovato in auto con la piccola: l'uomo ha ammesso di aver avuto altri incontri analoghi

Ultimo aggiornamento il 27 luglio 2018 alle 18:29

Prato, 27 luglio 2018 - "Ho pensato a quanto accaduto e mi rendo conto di aver sbagliato": queste le parole di don Paolo Glaentzer, 70 anni, il sacerdote di una parrocchia dell'hinterland fiorentino e di origini romane trovato in auto con una bambina nella serata di martedì 24 luglio.

Per lui sono scattati gli arresti domiciliari per violenza sessuale aggravata. Domiciliari confermati dal Gip di Prato Francesco Pallini nell'udienza di convalida: il religioso non andrà in carcere. Ed emergono le parole dell'uomo durante l'interrogatorio della sera del 24 luglio davanti al pm. Il religioso ha detto di aver avuto, prima di quello, altri tre incontri con la bambina.

"Pensavo avesse quindici anni - ha poi riferito durante il primo interrogatorio - Dal momento dell'arresto ad oggi ho pensato a quanto accaduto e mi rendo conto di aver sbagliato", ha detto davanti al Gip. Tornando alla convalida dell'arresto, per il giudice, l'anziano avrebbe circuito la piccola approfittando dal suo ruolo di sacerdote e della conoscenza con la famiglia, iniziata diversi anni fa.

Sempre secondo quanto spiegato dal giudice, la scelta degli arresti domiciliari, rispetto a quella in carcere che era stata chiesta dall'accusa, è stata dettata dall'assenza del pericolo di inquinamento delle prove, tenuto conto che il 70enne ha confessato, fornendo la stessa versione dei fatti sia davanti al pm, il 24 luglio scorso, che in sede di interrogatorio di convalida davanti al gip. Nella decisione hanno pesato poi l'avanzata età del prete e il fatto che sconterà gli arresti nel Lucchese, lontano dall'abitazione dove la vittima vive coi fratelli e i genitori. Il gip ha detto che c'era comunque il rischio di nuovi abusi se un cittadino, passando, non avesse visto ciò che stava accadendo in auto. 

Per il gip nei fatti confessati si dimostra «un pervicace radicamento dell'indagato in siffatte devianti e illecite modalità di condotta».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.