Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
26 mag 2022

Rampini in scena con lo spettacolo "Morirete cinesi"

Il giornalista sarà protagonista della serata allo storico lanificio Cangioli nel cartellone di Tipo

26 mag 2022
Federico Rampini, giornalista e scrittore, sarò in scena al lanificio Cangioli sabato 28 maggio alle 21.15. con il nuovo spettacolo teatrale «Morirete cinesi»
Federico Rampini, giornalista e scrittore, sarò in scena al lanificio Cangioli sabato 28 maggio alle 21.15. con il nuovo spettacolo teatrale «Morirete cinesi»
Federico Rampini, giornalista e scrittore, sarò in scena al lanificio Cangioli sabato 28 maggio alle 21.15. con il nuovo spettacolo teatrale «Morirete cinesi»
Federico Rampini, giornalista e scrittore, sarò in scena al lanificio Cangioli sabato 28 maggio alle 21.15. con il nuovo spettacolo teatrale «Morirete cinesi»
Federico Rampini, giornalista e scrittore, sarò in scena al lanificio Cangioli sabato 28 maggio alle 21.15. con il nuovo spettacolo teatrale «Morirete cinesi»
Federico Rampini, giornalista e scrittore, sarò in scena al lanificio Cangioli sabato 28 maggio alle 21.15. con il nuovo spettacolo teatrale «Morirete cinesi»

Le fabbriche di tipo-Turismo Industriale Prato continuano a raccontare storie. E lo fanno sabato 28 maggio alle 20,30 con la visita al Lanificio Cangioli 1859 spa, nato come “bottega Cangioli”, una piccola realtà artigianale e oggi tra le aziende tessili più dinamiche del distretto. La visione dell’azienda si regge su quattro valori essenziali: etica, innovazione, sostenibilità e creatività, pilastri di un percorso imprenditoriale da sempre orientato alla creazione di valore nel lungo periodo. Dopo la visita in azienda, alle 21,15 andrà in scena il nuovo spettacolo teatrale di Federico Rampini "Morirete cinesi. La verità secondo Xi Jinping", con le musiche di Roberta Giallo, produzione Elastica srl. Un contraddittorio immaginario, dove il presidente cinese espone il "teorema Xi", le tante ragioni, antichissime e modernissime, per cui la Cina è superiore all’Occidente ed è destinata a guidare (dominare) il mondo. Federico Rampini, invece, osa intercalare le obiezioni di un italianoamericano legato ai suoi valori. Colonna sonora, canzoni e musica di Roberta Giallo, un “controcanto” fra Oriente e Occidente. Uno spettacolo leggero, dai toni divulgativi e ironici. I temi sono i 3.500 anni di storia cinese, che consentono a Xi di guardarci dall’alto in basso. Il presidente cinese passa in rassegna i periodi della storia in cui la Cina è stata superiore all’Occidente. Rampini ribatte: la Cina è stata capace anche di autoreferenzialità, chiusura verso l’esterno, arroganza. Ci risiamo? Xi si sofferma sull’episodio delle Guerre dell’Oppio, inizio di un secolo di umiliazioni inflitte dall’Occidente alla Cina. Nell’America vede l’erede della Gran Bretagna: lo stesso imperialismo. La Cina no, non ha mai colonizzato altri paesi. Rampini dissente: Tibet, Xinjiang, Mongolia, in realtà la Repubblica Popolare è l’ultimo impero multietnico. E cosa sta facendo, davvero, in Africa? Covid, qui è Rampini che tenta un affondo: perché avete mentito al mondo intero? Xi respinge le accuse si pavoneggia per il successo nel contenere la pandemia. Dai romanzi di fantascienza al cinema, Rampini prova ad aprire uno squarcio su una società ancora esotica e misteriosa per noi. Un viaggio dall’altra parte della terra, per capire cosa spinge la Cina a conquistare il mondo, e cosa cambierà per noi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?