Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
21 giu 2022

Prato, furti ai pazienti in ospedale. "Vorrei chiederle perché l’ha fatto"

Francesca Piras, la figlia di una delle vittime della donna: "Comportarsi in questo modo con persone indifese è uno dei gesti più ignobili che esistano"

21 giu 2022
Al lavoro nei reparti covid
Un reparto covid (foto archivio)
Al lavoro nei reparti covid
Un reparto covid (foto archivio)

Prato, 22 giugno 2022 - "Vorrei solo potere guardare negli occhi questa donna, per chiederle se non si vergogna di quello che ha fatto. Rubare denaro a persone in fin di vita credo sia uno dei gesti più ignobili che esistano. Adesso spero che la giustizia faccia il proprio corso e che si becchi la pena che merita". Non usa mezze parole Francesca Piras per raccontare la soddisfazione dopo l’indagine dei carabinieri che ha portato a scoprire una operatrice socio sanitaria che derubava bancomat e carte di credito ai pazienti presenti nei reparti dell’ospedale Santo Stefano. Piras non solo ha dovuto fare i conti lo scorso marzo con la morte del padre Ernesto per Covid, ma poi anche scoperto i prelievi sistematici dal bancomat del genitore quetso mentre era in fin di vita al Santo Stefano. Sottrazioni di denaro avvenute in farmacia e al supermercato, per un importo sempre inferiore ai 25 euro, così da non richiedere l’inserimento del pin. Il caso di Piras al momento non sembra essere fra quelli addebitati alla oss individuata dai carabinieri, ma le modalità d’azione sono davvero molto simili. "Ho chiesto immediatamente ai militari di verificare se l’oss fermata lavorava a fine marzo nel reparto in cui era ricoverato mio padre", aggiunge Piras. "Ho personalmente fatto i complimenti ai carabinieri e subito dopo ho chiamato l’Asl per assicurarmi che prenda serie provvedimenti nei confronti della donna". "Credo sia giusto che paghi per il male che ha fatto. Non ha avuto un minimo di pena per persone in fin di vita, pazienti che avrebbe dovuto accudire e di cui invece si è approfittata nel modo peggiore possibile". Piras nel frattempo è stata risarcita da Poste Italiane, che ha riconosciuto come gli addebiti dal bancomat non potessero essere stati effettuati dal padre ricoverato in ospedale in ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?