Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
16 feb 2022

Patto fra Prato e Pistoia per il ponte dell’Acquerino

E’ stato danneggiato dagli anni e dal gelo: sono necessarie manutenzioni. Il progetto è pronto: lavori per 400mila euro, che arriveranno dal ministero

16 feb 2022
I presidenti Puggelli e Marmo, in alto la foto delle lesioni sul ponte
I presidenti Puggelli e Marmo, in alto la foto delle lesioni sul ponte
I presidenti Puggelli e Marmo, in alto la foto delle lesioni sul ponte
I presidenti Puggelli e Marmo, in alto la foto delle lesioni sul ponte
I presidenti Puggelli e Marmo, in alto la foto delle lesioni sul ponte
I presidenti Puggelli e Marmo, in alto la foto delle lesioni sul ponte

La strada provinciale dell’Acquerinodi Riola (Sp3Sp24) torna ad avere una gestione della manutenzione ordinaria unica, grazie all’accordo firmato dalle Province di Prato e di Pistoia, unite nell’intento da un ponte, quello a L’Acqua, che collega materialmente i due territori. Durante il monitoraggio dei ponti e delle infrastrutture – in un percorso avviato in tutta Italia dopo il crollo del ponte Morandi di Genova – la perizia ha evidenziato alcune criticità che richiedono un intervento. "Sono state trovate infiltrazioni – ha spiegato l’ingegnere Luca Pagni della Provincia di Prato – che hanno deteriorato il calcestruzzo. Siamo in attesa degli esiti della valutazione e non è escluso che in attesa dell’intervento di ripristino possa essere messa una limitazione alla portata del ponte". Nessun pericolo quindi per gli automobilisti e nessuna data certa ancora per l’avvio del cantiere, stimato comunque entro la fine dell’anno. "Siamo in fase di conferenza dei servizi – hanno spiegato i due presidenti Francesco Puggelli e Luca Marmo –, ovvero il momento in cui il progetto viene valutato da tutti gli attori in gioco. I tempi in questa fase possono variare molto". Il costo stimato dell’intervento è di 400mila euro, finanziati dal Mit. "Le verifiche condotte dai tecnici – ha aggiunto Pagni - hanno evidenziato la necessità di intervenire sulle condizioni di sicurezza e durabilità della struttura anche a causa del fatto che il ponte, in cemento armato, è stato realizzato a cavallo fra gli anni ‘60 e ‘70. L’indagine ha fatto emergere come l’intera struttura sia stata danneggiata nel corso del tempo dall’alternarsi dei cicli di gelo e disgelo e dal dilavamento delle acque di piattaforma, fino a sgretolare il calcestruzzo in alcuni punti esponendo le armature interne". L’intervento prevede la demolizione dell’impalcato centrale attuale che sarà realizzato completamente nuovo. Questo intervento consentirà anche di ispezionare in maniera ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?