Il nuovo ospedale Santo Stefano (foto Attalmi)
Il nuovo ospedale Santo Stefano (foto Attalmi)

Prato, 12 ottobre 2018 - Era la notte del 10 maggio 2015. Una notte di dolore atroce. E poi di silenzi e di rabbia. Una notte in cui la vita di una coppia pratese si sgretolò di fronte a una tragedia ancora in attesa di verità, la morte della loro figlioletta durante il parto. Per la madre, che all’epoca aveva 45 anni, e per il marito, di due anni più giovane, fu come scivolare giù in un precipizio dal quale sembrano non aver più visto un bagliore di luce.

Ieri i genitori della bimba (la cui tragedia si è consumata al Santo Stefano dove la donna si era recata dopo aver avvertito i primi dolori del parto) hanno raccontato quanto accaduto in quelle ore davanti al giudice Daniela Migliorati che – durante l’udienza che vede indagate per omicidio colposo due ginecologhe che seguirono le fasi dell’intervento al Santo Stefano – ha ascoltato anche la deposizione di un maresciallo dei Nas di Firenze. Una ricostruzione lucida e straziante, come l’ha definita il legale che difende la coppia, Gianluca Sansonetti.

Sono così state ripercorse le tappe di quella notte maledetta in cui la bambina, secondo i risultati dell’esame autoptico, morì per «asfissia perinatale», un caso rarissimo (3-4 bimbi su mille nati vivi) che si verifica o durante o subito dopo il parto. «Il padre ha raccontato di aver avuto un infarto per il dolore provocato dalla scomparsa della piccola – spiega il legale sottolineando quanto riferito dalla coppia durante la deposizione – la madre, per il trauma, ha avuto un tumore e ora non potrà più avere figli». Durante l’udienza sono emersi dettagli inquietanti come quando l’uomo ha raccontato la reazione di un medico dell’ospedale un attimo dopo la morte della nenonata. «Si è avvicinato a me dicendomi: ‘I figli si fanno con le donne di 25 anni, questo succede quando si vuol provare a farlo con una donna di 45’». La gravidanza della donna, tra l’estate del 2014 e la primavera del 2015, era stata tranquilla: nulla faceva presagire una fine così terribile. I problemi arrivarono durante il travaglio, che durò 13 ore.

Più volte – aveva raccontato in passato il padre che aveva assistito al parto – venne usata la ventosa per aiutare la bimba a venire alla luce. Le cose si complicarono quando il tracciato cominciò a segnalare sofferenza nel feto. Fu a quel punto che venne disposto il trasferimento in sala operatoria dove la donna fu sottoposta a un cesareo d’urgenza. Ma era già tardi: la piccola morì poco dopo nonostante i disperati tentativi dei medici.

Da lì la denuncia del padre ai carabinieri e l’apertura dell’inchiesta. Inizialmente furono indagate le due équipe mediche al completo. Ma la procura restrinse presto il campo alle sole due ginecologhe, la prima, quella che seguì il travaglio, la seconda, quella che praticò il cesareo. Prossima udienza fissata per il 6 novembre.

Emanuele Baldi