Carabinieri
Carabinieri

Prato, 8 gennaio 2019 - Ha tentato di mettere a segno un bel colpo fingendosi di essere un cliente interessato all’acquisto di una Porsche 997 del 2005. In realtà, l’obiettivo di quell’uomo di circa trent’anni, che diceva di venire da Bologna, era diverso: il cliente è saltato nell’abitacolo della macchina ed è fuggito a tutta birra, facendo perdere, in un primo momento, le sue tracce. Ma il gps non ha dato scampo all’intrepido ladro che ha dovuto abbandonare la potente vettura dopo una fuga che è terminata a Viareggio, appena 40 minuti dopo essere fuggito scappato dalla concessionaria «Top Car» di via Corelli a San Paolo.

«Mi è sembrato di essere in un film - racconta una dipendente, sorella del titolare della concessionaria - Il cliente ha telefonato varie volte stamani mattina, dicendosi interessato a questa Porsche. Alla fine, dopo diverse chiamate, è venutob o in serata per vedere la macchina e provarla, pronto a dare subito la caparra nel caso in cui gli fosse piaciuta e avesse voluto comprarla. E’ la prima volta che succede un fatto del genere». Il finto cliente aveva avvistato l’oggetto dei suoi desideri su un sito internet.

L’automobile, ferma da qualche giorno per le festività natalizie, era giù di batteria tanto che quando il potenziale acquirente è arrivato alle 17 è stato necessario che attendesse il rientro del titolare, che ha provveduto a mettere in carica la batteria e ha portato all’esterno la Porsche per farla provare al cliente. Peccato che l’uomo abbia dato uno sguardo rapido all’interno della concessionaria e poi sia salito a bordo della Porsche per allontanarsi a tutta velocità alle 19 e un minuto. L’automobilista ha proceduto di gran carriera con i fari spenti, prendendo alcune strade contromano. Fino a quando la Porsche, assicurata e con il gps a bordo, è stata ritrovata dalla polizia stradale, abbandonata e senza chiavi, a Viareggio. Del fatto sono stati avvertiti i carabinieri del comando provinciale di Prato che stanno indagando per risalire all’autore della truffa e del furto, anche grazie alle telecamere della videosorveglianza. Sa.Be.