Prato, 15 maggio 2018 - RESIDENTI come sentinelle per tenere alla larga ladri e sbandati. Dopo Iolo, Maliseti e La Querce anche la Castellina si mobilita in vista dell’estate. Sono già sessanta i residenti che hanno aderito sia al gruppo Whatsapp che alla pagina Facebook nate entrambe con l’unico scopo di tenere alta l’attenzione sulla propria zona, informare le forze dell’ordine in caso di situazioni sospette e mettere in allerta il resto dei vicini. L’idea è nata da Enrico Belluomini e Federico Torri. In settimana verrà inoltrata la comunicazione alla Questura sulla nascita del gruppo che così sarà regolarizzato.

«È un'idea che avevo da tempo, abbiamo già avuto un incontro in parrocchia. Lo scopo di questi gruppi è soltanto quello di segnalare situazioni sospette o mettere a conoscenza i residenti se ci sono stati dei furti. Nessuno si vuol sostituire alle forze dell’ordine, tutt’altro vorremmo anche proporre degli incontri proprio con le forze di polizia e le istituzioni per avere dei consigli», spiega Belluomini. Le comunicazioni avverranno sia tramite Whatsapp e sia Facebook: i residenti iscritti sono già una sessantina. «In ogni strada ci saranno dei cittadini-sentinelle. A breve sarà installata anche della segnaletica così da informare chiunque che nella zona esistono questi gruppi di vicinato», prosegue. E così anche la Castellina inaugura la stagione della sicurezza col telefonino, una maniera per stare più tranquilli e promuovere la coesione sociale. Quello che si è formato alla Castellina è solo l’ultimo di una serie di gruppi che terranno gli occhi aperti sulla frazione.

«Divideremo il paese in zone in modo tale che il controllo sia esteso a tutta l’area. Non sono previste passeggiate né ronde, ma solo persone che terranno aperti gli occhi collaborando al contrasto di qualsiasi tipo di illecito: dai furti al degrado urbano», spiega. Un’esigenza nata non solo a seguito degli ultimi episodi criminali registrati, ma anche in vista dell’estate che notoriamente è la stagione più a rischio dal punto di vista della sicurezza. Il primo incontro è stato molto partecipato, i gruppi sono stati aperti (la pagina Facebook si chiama ‘Gruppo di vicinato della Castellina’) e le adesioni raccolte. In campo sono scesi i cittadini-sentinelle: i gruppi sono già attivi per buona pace di ladri e malintenzionati che non troveranno terreno fertile. Almeno non alla Castellina né nelle altre tre frazioni dove i gruppi sono attivi. Occhi ben aperti quindi e dito pronto sul telefonino pronto per segnalare qualsiasi forma di illegalità. «Il nostro scopo è di tenere informati i residenti su ciò che accade nella nostra frazione», chiude Belluomini.

Silvia Bini