Prato, 16 giugno 2016 - In gergo lo chiamano "pattuglione", cioè un maxicontrollo straordinario del territorio in alcune zone predeterminate. In questo caso il "pattuglione" della polizia si è concentrato nelle zone delle stazioni, centrale e Serraglio, comprese piazza Mercatale, via Amendola, via Firenze, i giardini pubblici di via Papa Giovanni XXIII, viale della Repubblica, viale Galilei e via Bologna, con sedici agenti in servizio.

C'erano pattuglie della Questura di Prato, equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze e due unità del Reparto Cinofili di Firenze con il cane Pando, un segugio dal fiuto infallibile. Nel mirino lo spaccio di droga: in particolare, intorno alle  22.35 di mercoledì, il personale del Reparto Prevenzione Crimine di Firenze ha fermato una Mercedes classe A sospetta in viale della Repubblica. A bordo c'erano due uomini: il conducente, un trentaseienne fiorentino, era particolarmente nervoso e il perché lo si è capito quando sul posto il cane poliziotto antidroga Pando. Il cane si è accorto che c'era qualcosa di sospetto: per la precisione 6,2 grammi di hashish nascosti negli abiti indossati, detenuti per uso personale, sequestrati dalla Polizia che ha segnalato l’uomo alla Prefettura quale assuntore di droghe, con immediato ritiro della patente di guida.

E sempre Pando, poco dopo, ha trovato altro hashish: sette involucri sospetti in piazza dell'Università (in tutto 12,18 grammi), sequestrati a carico di ignoti che evidentemente, alla vista del cane poliziotto, li avevano frettolosamente abbandonati sulla pavimentazione della piazza.