Prato, 26 dicembre 2016 - Appuntamento nel cuore di Prato, un uno dei simboli della città laniera per Giulia Mazzoni, pianista e compositrice pratese. Il  29 dicembre alle 21, al Teatro Gabriele d'Annunzio all'interno del Convitto Nazionale Cicognini, Mazzoni proporà al pubblico "di casa sua" il nuovo progetto "Room 2401" che ha già raccolto successi in giro per l'Italia e che ha portato l'artista pratese (che da anni vive a Firenze, ma è sempre legatissima alla sua città di origine) anche a "Edicola Fiore" (con Fiorello su Sky) e su RaiDue durante la maratona per Telethon.

 

"Room 2401" racconta esperienze reali o sogni, seguendo la linea creativa di Mazzoni: condividere le emozioni attraverso la musica, "emozionarsi per emozionare". Così, si passa da una passeggiata sul ghiaccio sulle sponde del lago Michigan ("Winter's Dream") alle emozioni struggenti di una visita al museo dell'immigrazione di Ellis Island a New York ("Ellis Island"). Un viaggio che spazia dal fascino dello splendido ritratto che Modigliani fece nel 1919 al suo amore Jeanne Hebuterne ("Rebel Muse") alla celebrazione di "una stella coraggiosa che ha difeso i propri sogni" ("Merope"). Un disco arricchito anche dalla partecipazione di Nyman, che ha riarrangiato per due pianoforti ed eseguito con lei una nuova versione di un brano di una delle sue colonne sonore: 'The Departure' (da 'Gattaca').

 

"Sono molto contenta di questa opportunità e ringrazio il Comune di Prato che ha dato il via a questa iniziativa, mi fa molto piacere presentare il mio progetto nella città dove sono nata", dice Mazzoni. Nella presentazione-concerto di giovedì 29 dicembre, Mazzoni racconterà come è nato "Room 2401", ma proporrà anche brani del suo primo album "Giocando con i bottoni".

L'appuntamento pratese chiude la serie di presentazioni-concerto e poi a gennaio partirà il tour vero e proprio in tutta Italia, mentre in primavera l'artista pratese si esibirà in una serie di concerti in Cina, Giappone, Corea e Hong Kong.