L'ingresso del nuovo Centro Pecci
L'ingresso del nuovo Centro Pecci

Prato, 6 settembre 2018 - Pausa estiva terminata per la saletta cinema del Centro Pecci. Si riapre i battenti con una lunga lista di proposte di alto livello. I primi film scelti per la nuova stagione dimostrano l’attenzione nei confronti del cinema di qualità, quel cinema destinato inevitabilmente ad un pubblico di nicchia ma assolutamente necessario. Si ricomincia con il film che lo scorso mese di maggio ha vinto la palma d’oro come miglior film al Festival di Cannes: «Un affare di famiglia» del regista giapponese Hirokazu Kore’eda, considerato in patria uno dei più grandi registi viventi, erede naturale del maestro Yasujiro Ozu. Un grande film che sulla croisette ha davvero messo d’accordo tutta la giuria senza discussioni, cosa assai rara. Anteprima al Pecci giovedì 6 settembre alle 21.15. Il ritratto di una famiglia giapponese come tante, le dinamiche dei legami complessi, una analisi delle diseguaglianze sociali, «Un affare di famiglia» riflette su questi temi, e non solo. L’altro film scelto per la riapertura è «Lucky», diretto da John Carroll Lynch. L’ultima intensa ed emozionante interpretazione di Harry Dean Stanton, morto a più di novant’anni al termine delle riprese. Siamo nella provincia americana ai margini del deserto, Lucky, vecchietto stravagante, comincia a temere la morte e la solitudine. Dal 6 al 12 settembre con proiezioni in lingua originale con sottotitoli, e in versione doppiata in italiano.

La grande novità attesissima dai cinefili, è la riproposta della copia restaurata in 4 k di uno dei capolavori del cinema, sicuramente uno dei film più belli nella carriera di Martin Scorsese: dal 7 al 12 settembre torna «Toro scatenato», rilettura della vita e dalla carriera del grande pugile Jack La Motta, interpretato magistralmente dal mito Robert De Niro, giustamente premiato con un secondo Oscar. Nelle prossime settimane, arriveranno al Pecci altri capolavori restaurati come «C’era una volta il West» di Sergio Leone, «Il settimo sigillo» di Ingmar Bergman, «L’appartamento» di Billy Wilder. Altra bella notizia per i cinefili: da ottobre a marzo, dal martedì al sabato, nel primo spettacolo pomeridiano, tornano i grandi classici del cinema. Presto scopriremo la lista dei cult movie. Non mancheranno poi i grandi documentari dedicati all’arte: 25 e 26 settembre «Salvador Dalì, la ricerca dell’immortalità», 23 e 24 ottobre «Klimt & Schiele – Eros e Psiche», 27 e 28 novembre «Le ninfee di Monet – Un incantesimo d’acqua», 11 e 12 dicembre «L’uomo che rubò Bansky». Altra perla il 9 e 10 ottobre, la riedizione di «Imagine» di John Lennon e Yoko Ono.

Federico Berti