Andrea Caponi
Andrea Caponi

Pontedera, 13 agosto 2019 - Andrea Caponi verrà operato domani in mattinata nel reparto di chirurgia maxillo-facciale dell’ospedale Cisanello, dove è stato trasferito ieri mattina dopo il serio infortunio di gioco capitatogli sabato pomeriggio durante la partita di Coppa Italia contro la Pistoiese e il conseguente ricovero al Lotti. La buona notizia, in primis per il calciatore, è che tutto verrà sistemato in un unico intervento chirurgico, essendo il suo un tipo di trauma che viene gestito di routine. In pratica siamo di fronte alla frattura, nella parte destra del volto, dell’osso orbitale e mascellare, che si è spostato di 6-7 millimetri e deve essere rimesso in asse con l’inserimento di una placca e di un paio di piccole viti per tenerla bloccata.

Un intervento che viene definito non particolarmente difficoltoso e che richiederà 20 giorni di convalescenza. Il capitano del Pontedera potrà riprendere gli allenamenti, da solo, fra un mese e con l’ausilio di una maschera facciale di silicone. Per il suo rientro in campo si può ragionevolmente pensare che possa avvenire a gennaio, dopo la sosta natalizia, anche se col passare del tempo la situazione potrà essere definita meglio.

La notizia dell’incidente ad Andrea Caponi, pontederese doc, ha destato subito grande apprensione in città, dove la famiglia è conosciutissima proprio per il suo profondo legame con la maglia granata (il babbo Alessandro quando giocava è stato un idolo della tifoseria pontederese e il fratello Manuel nel 2011 ci ha quasi rimesso la vita per uno scontro di gioco quando militava nel Pontedera) e, oltre alle tantissime visite in ospedale, non sono mancate le attestazioni di affetto arrivate al giocatore da ogni parte. Anche dal mondo politico, con gli incoraggiamenti via social dell’attuale sindaco Matteo Franconi e dell’ex primo cittadino, Simone Millozzi, entrambi sempre vicini alla vita del club.

Intanto oggi alle 18 a Montecatini la squadra di Maraia disputa una gara di allenamento congiunto contro la formazione locale, in una sorta di derby di casa-Giovannini, con Paolo direttore generale del Pontedera e il fratello Fabrizio del Montecatini. Per i granata si tratta comunque dell’ultima sfida precampionato: il prossimo impegno sarà infatti quello del 25 agosto, contro la Carrarese.

Stefano Lemmi