Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Tmm, il presidio sposta la protesta sotto lo studio del liquidatore

Pontedera, striscioni e canti dopo che non è stato rispettata la scadenza di pagamento dell'indennità di mancato preavviso

Ultimo aggiornamento il 16 gennaio 2018 alle 18:22
Un momento della protesta

Pontedera, 16 gennaio 2017 - Protesta questa mattina sotto lo studio del liquidatore di Tmm Roberto Dell’Omodarme. Il presidio, per due ore,  si è spostato a Pisa per manifestare il disagio degli operai che non hanno visto rispettare le scadenze di pagamento. «In particolare l’indennità di mancato preavviso – spiega Marco Comparini (Fiom Cgil) – che avrebbe dovuto essere pagata il 12 gennaio scorso. Questo, per noi, è un atto grave anche in considerazione di quello che ci ha scritto il liquidatore nei giorni scorsi quando ha indicato il presidio come un elemento ostativo alle sue attività che sono volte a reperire fondi per soddisfare i creditori. In quella lettera ci diceva, in buona sostanza, che se si continua così di non lamentarci dei disagi o dei ritardi che avremmo potuto subire». 

«Ecco, noi diciamo al liquidatore che illegale non è l’attività del presidio, la protesta dei lavoratori, il loro cercare di preservare l’azienda ed i beni di questa, ma non pagare i lavoratori – attacca Comparini –. Non è legale, per noi, come sono andate certe cose dall’inizio di questa storia ad oggi. E l’azione legale, allora, probabilmente la faremo noi, con un’ingiunzione di pagamento a tutela dei lavoratori, delle loro spettanze e degli accordi firmati». I sindacati temono che comunque, nei prossimi giorni, potrà esserci un altro tentativo di accesso alla fabbrica.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.