Semaforo
Semaforo

Pontedera, 5 dicembre 2018 - Il T-red arriverà nel cuore del centro abitato. Il semaforo che scatta multe a chi passa con il rosso sarà infatti collocato nell’unico incrocio rimasto regolamentato dalle luci verde, gialle e rosse: quello di via De Gasperi, zona Bellaria. Con l’avvento delle rotatorie infatti, anche Pontedera ha perso gran parte degli incroci semaforici e ora il Comune si appresta a sorvegliare con l’occhio elettronico uno degli incroci più trafficati della città. Via De Gasperi è infatti la porta principale dal lato sud e s’interseca, al semaforo con l’ingresso all’asilo e alle scuole elementari. Inoltre, è la porta d’accesso anche per gran parte delle ambulanze dirette al pronto soccorso. Un punto nevralgico e pericoloso. Ecco allora la scelta del Comune che nei primi di gennaio ha previsto l’arrivo del T-Red. Scelta quasi obbligata visto che le telecamere che immortalano chi passa col rosso saranno rimosse dall’incrocio del Chiesino dove è prevista la tanto attesa ripartenza del cantiere per la costruzione della rotatoria. L’impianto che scatta le multe è di proprietà del Comune a differenza degli altri presenti nel territorio pontederese che sono noleggiati. «Proprio in questi giorni – spiega l’assessore Marco Papiani – la polizia municipale incontrerà l’azienda che ci cura la manutenzione e lo scarico dei dati dell’impianto, per decidere la procedura di spostamento».

Il trasloco dovrebbe completarsi poco dopo Befana, salvo imprevisti. E sempre salvo imprevisti, nello stesso periodo è prevista la ripresa del cantiere al Chiesino, proprio dove il T-Red continua a “lavorare”. Qui i lavori furono bloccati a inizio autunno a causa di un braccio di ferro tra i progetti di due Comuni che andavano a ricadere proprio in quel punto. Il Comune di Calcinaia, attraverso il Consorzio di Bonifica, aveva previsto un canale di collegamento con lo Scolmatore per scongiurare gli allagamanti durante i forti temporali. Un progetto “vecchio” che ha origine quando il Consorzio si chiamava Fiumi e fossi, ma che andava in conflitto con l’intervento della rotatoria in costruzione progetta dal Comune di Pontedera. Quindi è stato necessario rivedere e modificare il progetto con il successivo slittamento del cantiere che dovrebbe concludersi in primavera. Intanto, sempre il Comune di Pontedera, ha provveduto a mettere in sicurezza la strada che si affaccia sul pericolo fosso che con le piogge è diventato un laghetto.