Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Tragedia in un'azienda agricola, imprenditore ucciso da un toro

E' successo a Riparbella

Ultimo aggiornamento il 2 settembre 2018 alle 17:57
Un toro (foto di repertorio)

Riparbella, 2 settembre 2018 - Dramma in un'azienda agricola di Riparbella. Il titolare, un uomo di 66 anni, stamani intorno alle 10 è stato ucciso da un toro di sua proprietà che lo ha caricato colpendolo ripetutamente con le corna. Vittima della furia cieca dell'animale l’agricoltore Sorgi Gennai che avrebbe compiuto 66 anni a ottobre.

Un amico che stava aiutando Gennai si è accorto della scena e disperato ha subito chiesto aiuto assistendo impotente alla reazione feroce e implacabile dell'animale. Nulla poteva far presagire un tale dramma: Gennai doveva pulire il recinto delle mucche e del toro, che non aveva mai dato segnali di follia, mentre l’amico lo aiutava tagliando l’erba intorno al recinto. All'improvviso il grosso bovino, proprio mentre l’agricoltore era girato di spalle, l’ha aggredito di sorpresa colpendolo violentemente da dietro e caricandolo con le corna lo ha scaraventato a terra. L’allevatore è caduto nel recinto e il toro ha continuato a colpirlo provocandogli numerose e letali ferite.

Immediato l’intervento dei sanitari del 118, ma per l’uomo non c’era ormai più nulla da fare. Sul posto i carabinieri di Riparbella che hanno informato anche l’autorità giudiziaria. La salma del titolare dell’azienda agricola, residente a Riparbella dove era molto conosciuto, è stata portata all'obitorio di Cecina per un esame esterno del corpo; sarà il magistrato a valutare un’eventuale autopsia, ma la dinamica sembra piuttosto chiara, anche per la presenza del testimone.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.