PASCR-NAZ11A_WEB

Pontedera, 8 agosto 2018 - Il colpo al Comet è stato messo a segno alle 4 del mattino tra lunedì e martedì. Pochissimi minuti. Con l’allarme che suona. Un copione che si ripete e che – magari con soggetti diversi – è andato in scena pochi giorni fa alla Vodafone in piazza Martiri della Libertà a Pontedera. In azione, stavolta, c’erano quattro soggetti con il volto travisato da sciarpe e cappellini per proteggersi dagli occhi del sistema di video sorveglianza. All’appello, mancano, varie tipologie di materiale elettronico, soprattutto telefonini smartphone, computer portatili e tablet. Il gruppo è entrato nel magazzino, non nel negozio, forzando una porta su via dell’Aeroporto.

I quattro – secondo la ricostruzione dei fatti – sono entrati a piedi dentro i piazzale del mestatore dell’elettronica, scavalcando la recinzione: il cancello non è stato forzato e non ci sono tracce di mezzi. Probabilmente un palo, in auto o su un furgone, stava attendendo la merce che di volta in volta i malviventi facevano arrivare dal magazzino. Un’azione che sarebbe stata portata avanti in pochissimi minuti, tanto che né carabinieri né guardie giurate – con cui erano collegati i sistemi d’allarme – hanno fatto in tempo ad intervenire: i ladri si erano già dati alla fuga . Non è la prima volta che Comet finisce nel mirino, anche se l’ultimo furto – allora perpetrato dentro il negozio – è di alcuni anni fa, come ci spiega il direttore della struttura che ha già dedicato una persona alle verifiche d’inventario per capire quanta merce sia stata portata via.

Anche se, in considerazione del poco tempo, la quantità dovrebbe essere modesta. Diverso il discorso sul valore: anche pochi pezzi, ma di pregio, nella telefonia o nei computer fanno lievitare facilmente il conto di migliaia di euro. Le immagini registrate alle telecamere, che hanno ripeso tutte le scene dell’incursione, sono già state visionate e consegnate ai carabinieri della Compagnia di Pontedera che hanno avviato le indagini. Questo furto segue di pochi giorni quello avvenuto alla Vodafone: anche in questo caso fu forzata la porta d’ingresso in pochi istanti i ladri portarono via dodici smartphone, un pc e duecento euro. Le telecamere hanno ripreso la scena e su quelle immagini i militari dell’Arma stanno lavorando.