Mercato in piazza Romero: "Meno banchi, più parcheggi. Ecco la riorganizzazione"

Deidda: "Domani in Comune l’incontro con gli ambulanti per la riassegnazione degli spazi. Più compatto e meno dispersivo, più attraente per la clientela e sicuro per i pedoni".

Mercato in piazza Romero: "Meno banchi, più parcheggi. Ecco la riorganizzazione"

Mercato in piazza Romero: "Meno banchi, più parcheggi. Ecco la riorganizzazione"

SANTA CROCE

Gli spazi vuoti in piazza Romero costringono il Comune di Santa Croce a riorganizzare il mercato settimanale del sabato. Domani gli operatori ambulanti sono convocati in municipio per decidere le nuove postazioni. Il mercato di Santa Croce sarà composto da 9 banchi alimentari, 33 non alimentari, e postazioni per coltivatori diretti e 4 spazi per le associazioni. Previsto un parcheggio per disabili.

"Il mercato del sabato di Santa Croce viene riorganizzato in maniera più razionale in modo tale da essere più compatto e meno dispersivo, più attraente per la clientela e sicuro per i pedoni – le parole della sindaca Giulia Deidda – Il mercato dal 2016 ha visto tre spostamenti per ragioni di interesse pubblico e sanitario. Il primo è stato per i lavori di riqualificazione della piazza Matteotti. Il mercato fu spostato temporaneamente in piazza Oscar Romero in quanto l’esecuzione dei lavori non consentiva, anche per ragioni di sicurezza, lo svolgimento di alcuna attività mercatale. Il secondo è stato il ritorno nel centro storico, finiti i lavori in piazza Matteotti, nell’area prescelta tra via del Bosco, via Guidi e piazza fratelli Cervi. Il terzo spostamento è stato causato da Covid perché il centro storico non garantiva il rispetto delle normative di distanza, di contingentamento e di controllo".

"Finché non verrà comunicata agli operatori la data della nuova sistemazione, i banchi continueranno a mantenere le postazioni attuali – conclude Deidda – Coglieremo l’occasione dell’organizzazione dell’area mercatale per utilizzare le risorse, già accantonate in favore del commercio su area pubblica, per la promozione e la valorizzazione del mercato, riqualificato con il nuovo assetto” conclude Deidda.

g.n.