Maxi cantiere ancora più invasivo. Città unita dal vicolo Faognana

Il cantiere in piazza del popolo a San Miniato prosegue senza interruzioni, estendendosi anche alla parte prospiciente il sagrato della chiesa di San Domenico. La chiusura del tratto pedonale ha creato disagi, ma i residenti chiedono all'amministrazione comunale di mantenere pulita la via alternativa. La Ztl rimarrà spenta fino al 4 marzo, quando si prevede di ripristinare parzialmente la viabilità. Nonostante i lavori, il centro storico continua ad essere frequentato, soprattutto nei fine settimana, con una grande concentrazione di giovani tra via IV Novembre e via Ser Ridolfo.

Il maxi cantiere in piazza del popolo prosegue, spinto dal bel tempo che non ha per ora causato interruzioni. Intanto le operazioni si si sono "allargate" a tutta la parte prospiciente il sagrato della chiesa di San Domenico: questo ha reso necessaria la chiusura anche dell’unico tratto pedonale che era stato realizzato – in fase di allestimento del cantiere – per consentire l’ingresso in piazza diretto da via Ser Ridolfo. Ora per entrare nella parte della piazza non interessata dalle opere c’è un a sola via obbligata: il passaggio dal vicolo Faognana che si trova entrando in via Guicciardini.

Si tratta di un "tunnel" diretto. "Non è un grande disagio – spiegano i residenti –.Ma visto che questa, per molti altri giorni sarà la strada da utilizzare, sarebbe necessario che l’amministrazione comunale provvedesse a tenerla decorosa, ripulendola dai rifiuti dovuti all’inciviltà delle persone". Intanto resta spenta la Ztl con i varchi elettronici. Sarà così fino al 4 marzo – secondo il programma dell’amministrazione – quando, terminate alcune opere, dovrebbe essere di nuovo possibile ripristinare almeno in parte la viabilità con attraversamento della piazza del popolo. A quel punto il cantiere si dovrebbe spostare nella parte alta.

Non si ferma la movida. Il centro storico, pur con i cambiamenti dovuti ai lavori, resta ad alta frequentazione specie nel fine settimana. In particolare nei giorni di venerdì e sabato la concentrazione di giovani tra via IV Novembre e via Ser Ridolfo ha numeri record. Si tratta di alcune centinaia di persone che sostano fra la carreggiata e le logge di San Domenico.