Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Amore senza fine. La lettera del marito alla 'prof' scomparsa

San Romano, Massimo Tesi: "Ciao cara Fulvia. "Rifarei tutto pur di riaverti"

di MARCELLO BAGGIANI
Ultimo aggiornamento il 10 settembre 2018 alle 07:16
Fulvia Ricci

San Romano (Pisa), 10 settembre 2018 - Quand'è che un amore è concreto?. Quando non c’è bisogno di ricordarselo a vicenda. Quando con uno sguardo si possono sottintendere mille parole. A tutto questo fa pensare la lettera che Massimo Tesi, noto medico del Comprensorio, ha dedicato alla moglie Fulvia Ricci dopo il funerale.

La professoressa dell’ITC «Cattaneo» di San Miniato, è prematuramente scomparsa a soli sessantacinque anni. Una sequenza di parole mai banali per snocciolare ricordi e momenti che hanno creato la loro unione. Un Noi che sovrasta due Io. Poi il post sul social, ma solo come monito innocente, come consiglio disinteressato, come un pensiero a voce alta. Una citazione che inizia dalla fine della lettera, da quel: «Rifarei tutto pur di riaverti». Ma nel «tutto» ci sono anche le disgrazie e le sfortune; quelle che si potrebbero tranquillamente tollerare una seconda volta pur di ricominciare. Questa è l’essenza dell’amore. Una lettera fatta di precisi ricordi e impegni. Di doveri più che diritti. Di concretezza più che sdilinquimenti. Di precisi e fervidi passaggi che palesano sentimento e intelletto ben collegati.

Un articolo che finisce con l’inizio della missiva: «Ciao Fulvia. Ci siamo conosciuti sui banchi di scuola in prima elementare ad aprile del 1960, pochi giorni dopo la morte della tua mamma. La nostra maestra ci aveva invitati ad aiutarti in quel difficile momento per te e, forse per caso, o forse volutamente, ti mise accanto a me…». Il resto è il loro amore.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.