polizia
polizia

Volterra, 22 agosto 2014 - UNA GIOVANE donna nomade di 29 anni è stata denunciata dal commissariato di polizia di Volterra mentre stava chiedendo la carità agli avventori del supermercato Eurospin del colle etrusco insieme alla figlia minorenne. Quando le hanno notate, i clienti del market hanno avvisato subito gli agenti del commissariato, che hanno dato il via agli accertamenti sulla donna. L’episodio risale a ieri 21 agosto di mattina, intorno alle 12. Madre e figlia sono state sorprese a chiedere l’elemosina di fronte al supermercato e sono state poi accompagnate da una volante negli uffici del commissariato di piazza dei Priori.

SULLA GIOVANE mamma di origini rom pesa un’accusa gravissima: l’impiego di minore nell’accattonaggio, reato punibile con la reclusione fino a tre anni. Dalle indagini svolte ieri in commissariato è risultato che la piccola bimba, che ha solamente 11 anni, fin dall’età di 3 anni era costretta a mendicare per le strade insieme alla madre. A carico della nomade, infatti, sono risultate ben altre quindici denunce per aver sfruttato la bambina nell’accattonaggio. La donna ha dichiarato alla polizia di risiedere in un campo nomadi di Roma. Alla mamma, è stato immediatamente notificato da parte del commissariato un foglio di via, che le impedirà di rientrare nel territorio comunale di Volterra.