Firenze, 23 settembre 2020 - "Un grazie a chi si è battuto in queste settimane per la vittoria nelle regionali. E' un Pd più maturo". Queste le parole del segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti sul successo di Eugenio Giani alle regionali in Toscana. C'era anche il segretario nazionale all'incontro del Mandela Forum, la festa per celebrare l'affermazione del centrosinistra di Giani sul centrodestra di Susanna Ceccardi, in una battaglia elettorale per certi versi simile a quella dell'Emilia Romagna. E l'ingresso di Giani al Mandela Forum, tra musica e abbracci, è da rockstar, con decine di telecamere che piombano su di lui.

image

Giani ha voluto ringraziare gli ex presidenti Martini e Enrico Rossi. E proprio Enrico Rossi parla a Giani scherzando e dicendo "ti ho liberato l'ufficio. Ora mi serve anche un po' staccare, rilassarmi. Abbiamo fermato la destra estrema della Ceccardi. A questo popolo toscano meraviglioso dobbiamo molto. Sono soddisfatto che questo popolo abbia dato una lezione a tutta l'Italia, ci sono dei momenti in cui la Toscana emerge per non interrompere una storia che nasce con la Liberazione e in coerenza con i valori costituzionali che ci stanno a cuore". 

La zona del palco alla festa di Giani

Lo stesso Enrico Rossi si commuove in questo ideale passaggio di consegne. "A volte - dice Giani riprendendo la parola - mi accusano di essere fiorentino. Ma credo a una Toscana che supera il campanilismo, voglio vedere una Toscana unita, equlibrata nei provvedimenti che prenderemo, non sarà mai una Toscana a più velocità. Questa Toscana unita l'ho voluta testimoniare nel mio primo giorno, con la visita al Santuario di Montenero e la visita a San Miniato e Colle Val d'Elsa, con la visita a una cristalleria molto importante che adesso è in difficoltà". 

false

E proprio il lavoro "è uno dei temi per me fondamentali. A San Miniato invece, all'ombra della rocca, unico luogo da cui si vedono tutte le province della Toscana volevo dare un significato al mio inizio di mandato. Non sarò dunque fiorentino-centrico, ma vedendo i dati elettorali che arrivano da Firenze, dove sono andato al 60%, consentitemi di dire grazie. Per me è come aver ripercorso tutti i momenti che ho condiviso con la città". 

Giani poi si rivolge al segretario del Pd Zingaretti: "Nicola è una persona importante perché è riuscito a essere inclusivo. Al congresso non votai per lui, ma ha avuto l'onestà intellettuale di riconoscere il ruolo che potevamo avere. L'ho sentito vicino a me, mi ha incoraggiato. E' davvero un grande segretario". Poi il ringraziamento a Renzi: "Abbiamo trovato in Italia Viva un grande alleato, il loro impegno è stato grandissimo, grazie Matteo".

Infine Giani chiama sul palco tutto il suo staff e la sua squadra chiedendo un applauso finale.