Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Firenze, 25 giugno 2018 -  "Il gruppo dirigente nazionale ha fallito di nuovo: ne deve trarre le conseguenze immediatamente, perché così non possono andare avanti". Così ha risposto il sindaco Dario Nardella (Pd), ai giornalisti che gli chiedevano do commentare i risultati sfavorevoli a livello nazionale per il Partito Democratico nei ballottaggi di ieri delle elezioni amministrative.

"L'ho già detto da molto tempo - ha aggiunto, a margine dell'assemblea dei soci di Conad del Tirreno oggi a Firenze - si deve cambiare per davvero: cambiare idee, cambiare persone, cambiare metodo, ripartire dalle persone, ripartire dalle città e ripartire da un nuovo gruppo dirigente». Nardella ha poi risposto a chi gli chiedeva se fosse auspicabile un ritorno di Matteo Renzi come leader del Pd, come prospetta un finto tweet che gira da stamani sui social network: "Non commento i tweet finti - ha detto - e comunque almeno questa volta mi aspetto che non diano la colpa a Renzi per quello che è successo ieri". 

Nardella parla anche delle vittorie nei comuni dell'area fiorentina, in controtendenza rispetto alle città toscane e rispetto ad altre città italiane. 

"Registro una vittoria in tutti i comuni dell'area fiorentina dove si è andato a votare, al primo turno a Impruneta e Marradi, al secondo turno a Campi Bisenzio che è uno dei Comuni più grandi della Toscana: questo significa che il modello Firenze può e deve funzionare».  Le sconfitte riportate altrove, ha detto Nardella, "sono chiare, nette e inequivocabili, ma se le leggo anche in raffronto a dove abbiamo vinto per me l'analisi è molto semplice: si vince dove si sta in mezzo alla gente, dove si lavora sodo per risolvere i problemi quotidiani dei cittadini, e dove non si litiga. Si perde dove i partiti e le coalizioni sono divise, dove i candidati arrivano all'ultimo momento, e dove non si danno risposte quotidiane concrete ai cittadini".

Quindi, ha concluso, "per noi non cambia niente, continueremo a lavorare sempre di più stando in mezzo alla gente, affrontando i problemi dei cittadini come stiamo facendo, con umiltà, tenacia, e uniti, senza prestare il fianco a divisioni polemiche o fratture. Queste cose i cittadini non le sopportano più". 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.