Luca Marmo, sindaco di San Marcello Piteglio
Luca Marmo, sindaco di San Marcello Piteglio

San Marcello Piteglio (Pistoia), 13 dicembre 2017 – Sono aperti i bandi per l’assegnazione di nove borse lavoro rivolte a persone svantaggiate, che al momento sono senza lavoro. Le “borse” sono finanziate con 45mila euro messi a disposizione dal Comune di San Marcello Piteglio, che l’ente ha ricevuto dalla Regione e dallo Stato centrale per aver ospitato migranti sul proprio territorio.  Alle nove borse lavoro possono candidarsi le persone che si trovano in stato di disoccupazione o inoccupazione, inscritte al centro per l’impiego.

“I fondi saranno gestiti dall’Unione di Comuni perché ad essa fa capo il servizio sociale – spiega il sindaco Luca Marmo – in forza di questo, la selezione dei partecipanti avverrà su tutto il territorio dell’Unione, senza preclusioni verso i residenti ad Abetone Cutigliano e Sambuca. Le persone che si aggiudicheranno le borse lavoro saranno poi però impiegate sul territorio di San Marcello Piteglio”. Sono quattro i profili ricercati, tramite altrettanti bandi, tutti con scadenza 19 gennaio. Tre borse lavoro riguardano i servizi di manutenzione e pulizia nelle aree cimiteriali, viali alberati e piccole opere riguardanti l’arredo urbano e il verde pubblico. Il Comune ricerca poi tre addetti da impiegare a supporto delle attività amministrative svolte dagli uffici, in particolare per mansioni legate all’inserimento dei dati nei software gestionali. Un altro avviso è rivolto invece alla ricerca di due addetti per la gestione del centro di riuso, scambio e riciclo dei materiali dismessi che il Comune aprirà a breve a Gavinana. I due addetti saranno affidati alla locale pubblica assistenza e affiancheranno anche i volontari dell’associazione nelle attività di distribuzione dei pacchi alimentari e di supporto e trasporto di persone in difficoltà. Infine il Comune ricerca un addetto all’informazione turistica, per l’attivazione di uno sportello di supporto ai visitatori del territorio.

Tutti i borsisti riceveranno un compenso di 400 euro al mese a fronte di un impegno settimanale di almeno 25 ore. Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere all’Urp del Comune o chiamare lo 0573 621288.  “Abbiamo voluto reimpiegare risorse provenienti dall’ospitalità ai richiedenti asilo – spiega Marmo – dando un segnale importante ai cittadini residenti, senza escludere che queste risorse possano andare ad alimentare anche percorsi di integrazione più spinta, rafforzando i meccanismi con cui si interagisce sul territorio con le cooperative e altri soggetti”.