MAURIZIO COSTANZO
Cronaca

Tesi, il corto documentario sull’artista pistoiese vince al New York Tri-State Film Fest

È realizzato dalla giovane regista Cristina Principe

Cristina Principe

Cristina Principe

Pistoia, 10 luglio 2024 - “‘Tesi ha vinto come miglior ‘cortometraggio documentario’ al New York Tri-State Film Fest”. Ad annunciarlo sui suoi canali social è la giovane regista Cristina Principe che non manca di ringraziare “tutti per aver supportato questo lavoro”. Cristina Principe, realizzando “Tesi”, il nuovo short film a carattere documentaristico, ha pensato di svelare l'anima e il percorso artistico di Riccardo Tesi, uno dei più grandi musicisti di organetto diatonico attivo da oltre 40 anni in tutto il mondo, autentico pioniere dell'etnica in Italia.. Riccardo Tesi è un musicista “totale”, compositore e strumentista, interprete e ricercatore. “Le vie dei canti” lo hanno portato a suonare con Ivano Fossati e Fabrizio De Andrè, a dirigere festival, a comporre per un’orchestra di ottanta elementi, a collaborare con jazzisti come Gianluigi Trovesi ed Elena Ledda, solo per citare alcune delle tappe della sua carriera artistica. Con una durata di circa 13 minuti, il film si snoda in una chiacchierata intima pomeridiana tra Cristina Principe e Riccardo Tesi, durante la quale la regista indaga su argomenti che spaziano da domande private legate alla vita dell’artista, fino ad arrivare al racconto emozionante dei momenti più salienti ed incisivi della sua formidabile carriera musicale. Riccardo Tesi ha collaborato con alcuni dei giganti della musica italiana, tra cui Fabrizio De Andrè, Ivano Fossati e Carmen Consoli, lasciando un'impronta indelebile nel panorama musicale internazionale. Dagli esordi decisamente folk nel 1978 al fianco di Caterina Bueno, alle successive collaborazioni, la storia musicale del pistoiese Tesi vive di una preziosa continuità fatta di passione e di curiosità onnivore che dalla tradizione toscana lo ha accompagnato al confronto con quelle italiane, basche, inglesi, francesi e malgasce, con il jazz, il liscio e la canzone d'autore. In perfetta simbiosi con la sua poetica della memoria, il suo strumento: l'organetto diatonico, antenato della fisarmonica, al quale per primo in Italia, ha consacrato un intero disco. Attraverso un'accurata combinazione di immagini suggestive e interviste coinvolgenti, "Tesi" promette di trasportare gli spettatori in un viaggio affascinante e indimenticabile. "Questa è stata un'opportunità straordinaria per conoscere a tu per tu Riccardo nella sua casa-studio di Pistoia, toccando tematiche riconducibili a tutte le forme d’arte, volte non solo a far emergere la personalità individuale dell’artista ma anche a dar vita ad un memoir che coinvolga l’interesse del pubblico più ampio” afferma Cristina Principe. ”Il mio intento è quello di far luce sul percorso musicale pluriennale dell’artista inquadrandolo nella modernità del panorama musicale odierno, ispirando ed emozionando il pubblico con un racconto sulla meravigliosa natura intricata dei generi musicali.”