I vigili del fuoco in via degli Orafi (Foto castellani)
I vigili del fuoco in via degli Orafi (Foto castellani)

Pistoia, 2 settembre 2018 - E’ bastata mezz’ora di pioggia violenta, anche meno, un temporale di fine estate, breve ma intensissimo, per creare disagi e danni ieri in città. Su tutti, il crollo di due spallette della finestra al terzo piano del Tribunale di Pistoia, lato via degli Orafi, che si sono staccate e sono precipitate sulla strada, fortunatamente senza colpire nessuno. Un caso che sa di miracolo, se si considera che ieri mattina si è svolto come tutti i sabati il mercato. In quel momento, intorno alle 14.30, fortunatamente, nessuno si trovava a passare di lì e solo per questa circostanza, non ci sono stati feriti.

Non è la prima volta che le piogge violente creano danni agli edifici storici della città, ma questo fatto ha allarmato i cittadini e ha mostrato un lato fragile del centro storico, come ha subito sottolineato, con un post sulla sua pagina facebook, l’assessore ai lavori pubblici e protezione civile Alessio Bartolomei. «Appena 25 millimetri di pioggia in dieci minuti e la città va in tilt. In via degli Orafi si sono staccate delle spallette da una finestra del palazzo del Tribunale. C’è tanto, tanto da fare, in una città fragile e per tanto tempo abbandonata. A questi brevi e intensissimi fenomeni la città non è pronta». Sul posto sono immediatamente intervenuti i vigili del fuoco, che hanno rimosso il materiale e messo in sicurezza l’area: la strada è stata transennata e resterà chiusa da piazza del Duomo all’incrocio con via del Duca, fino a domani.

Macchina danneggiata in piazza San Lorenzo

«Faremo un intervento in somma urgenza – spiega l’assessore Bartolomei – e puntelleremo i cornicioni di almeno dieci finestre. Quanto al problema delle caditoie, invieremo una lettera a Publiacqua, per chiedere maggiore manutenzione». Altro incidente in piazza San Lorenzo, dove un ramo di un pino è venuto giù, colpendo un cartello stradale che si è abbattuto su un’auto in sosta, fortunatamente senza nessuno a bordo. Disagi anche nella zona di via Nazario Sauro, dove tutte le fognature sono andate in pressione, e infine, sul ponte Europa. Il sottopasso del ponte che conduce al raccordo autostradale, dopo il violento temporale, infatti, si è riempito d’acqua, poi prontamente liberato dagli uomini della protezione civile del Comune.

«Il problema del sottopasso del ponte Europa è sempre lo stesso – spiega il capo della Protezione civile del Comune, Angelo Biagini – Il fatto è che la gente continua a gettare bottigliette di plastica e rifiuti di ogni tipo che vanno a intasare le caditoie, producendo gli accumuli ogni volta che la pioggia cade più violenta. D’altra parte, sono caduti appena 25 millimetri d’acqua. Per il resto, la situazione in città e nella periferia è sotto controllo e costantemente monitorata». Intanto, la Sala Operativa della Protezione civile della Regione ha prolungato il codice giallo anche per oggi, per temporali e per il rischio idrogeologico e idraulico.