Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

Muore giovane mamma. "Era l’anima del paese"

Deborah aveva lavorato per l’Azienda di promozione turistica e alle Poste. Lottava da tempo contro una malattia che non le ha lasciato scampo

featured image
Deborah Rossi

Pistoia, 5 maggio 2022 - La Montagna è attraversata da una profonda e vasta ondata di dolore per la morte di una donna che ha lasciato un segno indelebile nella sua comunità per la passione che ha profuso in ogni aspetto della sua vita. La scomparsa di Deborah Rossi, dopo una lunga malattia che non le ha lasciato scampo, ha gettato nello sconforto tutti coloro che l’hanno conosciuta. Dotata di un carattere tanto solare quanto poco incline a omologarsi al pensiero dominante, ha attraversato la storia della Montagna a testa alta, senza mai piegarsi. Forte delle sue convinzioni ha lasciato la sua impronta senza preoccuparsi se fosse o meno condivisa, semplicemente forte dei suoi ideali. È stata impegnata in politica anche quando la malattia l’aveva segnata, una donna dotata di una potenza interiore non comune. Non a caso, tanto da destra che da sinistra, le testimonianze d’affetto sono state espresse al di sopra delle parti, veramente una gran bella persona che, dello stare fuori dagli schemi aveva fatto uno stile di vita. Impossibile non amarla, proprio in virtù del suo essere caparbiamente se stessa.

Era nata a Pistoia il 13 giugno 1973, ma aveva sempre vissuto a Cutigliano, paese che amava in modo viscerale. Lascia il marito Pietro Giannini, che lavora in un’azienda locale, e le due figlie Maria Sole e Margherita, di 19 e 16 anni. Deborah lavorava alle Poste, dopo un’esperienza all’Azienda di Promozione Turistica.

Andrea Tonarelli racconta che, negli anni in cui si trovavano su fronti opposti, la sera Deborah si recava al bar, con il marito, per condividere riflessioni sui problemi del paese, sempre sorridente e con la battuta pronta: "Era un piacere lavorarci assieme, perché era una donna libera e il suo unico interesse era il bene del paese e dei cittadini. Deborah era in cura a Pisa da un anno e mezzo e, quando andava a fare le terapie passava da me per dirmi “conservami il paese“. Negli ultimi tempi si vedeva meno perché conduceva una vita più ritirata, lascia un vuoto enorme nel cuore di tutti".

Anche Davide Costa esprime il suo dolore e la vicinanza alla famiglia: "Stanotte ci ha lasciati Deborah. Un dolore immenso per una vita così giovane, strappata all’amore dei suoi cari e della comunità tutta. Un pensiero commosso alla famiglia, al marito, alle figlie e ai tanti che le volevano bene. La Montagna perde un’altra figura importantissima, innamorata perdutamente del suo territorio e sempre pronta a impegnarsi per il bene del territorio. Riposa in pace adesso". Quello che appare certo è che la lezione di Deborah Rossi non sarà dimenticata da nessuno, tra quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerla. I funerali si terranno questo pomeriggio alle 17,00 nella chiesa di Cutigliano.

Andrea Nannini

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?