Multe, cosa dice il bilancio. Previsti più di sei milioni di euro per le casse comunali

I proventi da contravvenzioni al codice della strada previsti per il 2024 ammontano a 6.4 milioni. Serviranno anche per la manutenzione delle strade. Una cifra al ribasso rispetto al 2023.

PISTOIA

Il 2024 dovrà portare in dote all’amministrazione comunale pistoiese 6,4 milioni di euro di entrate per quel che riguarda i proventi da contravvenzioni al codice della strada: è quello che si trova nei meandri del bilancio di previsione 2024 approvato poche ore prima dello scorso Natale e che rappresenta la "guida" per l’anno in corso. Una cifra indubbiamente importante, ma vista al ribasso rispetto al 2023 perché gli introiti sono calati visto che si parlava di 6,8 milioni di euro, poi rivisti al ribasso di ulteriori 200mila euro per quel che riguarda l’effettivo accertato.

La previsione relativa all’anno in corso, fra l’altro, è stata messa a bilancio dal Comune anche per quel che riguarda la stima di incassi per il 2025 e 2026 ma queste cifre, come spesso succede, potranno essere modificate in corso d’opera, a seconda di quello che sarà l’effettivo andamento delle sanzioni che verranno eseguite e recapitate da parte della Polizia Municipale (tralasciando contestazioni e chi poi, quelle multe, non le pagherà).

Ovviamente, a fronte di questo tipo di entrate, vanno prese in considerazione poi le uscite, ovvero ciò che palazzo di Giano vuole fare con quanto introitato. Secondo quanto stabilito da una apposita delibera di Giunta, infatti, l’intera somma va divisa in due trance: 1,8 milioni è quello che si aspettano di poter disporre per gli accertamenti sugli eccessi di velocità mentre ci sono 4,6 milioni per tutte le altre violazioni del codice della strada.

Entrando più nello specifico, per quel che riguarda la prima parte da 1,8 milioni, ci saranno 350mila euro per gli enti proprietari delle strade dove il Comune farà effettivamente le multe (è una disposizione di legge) mentre 336mila euro saranno reinvestiti in opere di manutenzione e messa in sicurezza stradale arrivando al milione e 114mila euro per il potenziamento delle attività di controllo oltre che poter coprire anche le spese del personale.

Per quel che concerne gli altri 4,6 milioni, sempre secondo la delibera approvata dalla Giunta al momento il reinvestimento riguarda il 50% della cifra, ovvero 2,3 milioni che si divideranno tra le spese di gestione dei software per i servizi dei lavori pubblici, messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale (575mila euro), una fetta per la previdenza integrativa del personale e il miglioramento delle attrezzature in dotazione alla Polizia Municipale. Per capire se le stime si tradurranno in realtà, però, bisognerà attendere almeno il prossimo mese di novembre.

S.M.

c