Il presidente della Scherma Pistoia, Luca Magni, è rimasto colpito delle parole che il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Walter Tripi ha esternato sulla sua pagina ufficiale Facebook tanto da sentire il dovere di precisare alcuni punti di fondamentale importanza attraverso una lettera aperta. "Leggo, non senza sorpresa – scrive Luca Magni - un’esternazione che il capogruppo Pd in consiglio comunale Walter Tripi ha affidato alla sua pagina ufficiale Facebook. Nel prendere posizione sulla situazione degli impianti sportivi cittadini, il...

Il presidente della Scherma Pistoia, Luca Magni, è rimasto colpito delle parole che il capogruppo del Pd in consiglio comunale, Walter Tripi ha esternato sulla sua pagina ufficiale Facebook tanto da sentire il dovere di precisare alcuni punti di fondamentale importanza attraverso una lettera aperta.

"Leggo, non senza sorpresa – scrive Luca Magni - un’esternazione che il capogruppo Pd in consiglio comunale Walter Tripi ha affidato alla sua pagina ufficiale Facebook. Nel prendere posizione sulla situazione degli impianti sportivi cittadini, il signor Tripi ha scritto che a Pistoia ‘nessuno può allenarsi’, lasciandosi poi andare all’inciso ’eccetto la scherma, vero assessore?’".

Tale inciso chiama in causa sia la società schermistica cittadina, sia l’operato dell’assessore allo sport, lasciando intendere (questo è ciò che si evince chiaramente dal tono del1’inciso e dalla costruzione argomentativa del discorso) che l’assessorato avrebbe avuto comunque un occhio di riguardo per una specifica disciplina che, come è noto in città, è anche quella praticata dall’assessore Gabriele Magni (fratello di Luca ndr)".

"Caro Tripi – prosegue Magni – lei si è ben informato. In effetti la nostra palestra è aperta, probabilmente la sua fonte informativa si è limitata alla presa visione della pubblicità dei nostri corsi e sono felice che possa averle dato nell’occhio. Meno felice mi rende il fatto che un politico di primo piano in città (tale è il capogruppo del primo partito di opposizione) possa aver utilizzato tale limitata fonte informativa per impostare un attacco non politico, ma personale, giungendo a concepire la gravissima affermazione che in città l’attività della scherma avrebbe ricevuto dei favoritismi dall’assessorato competente. Forse saprà che la Schema Pistoia opera nel complesso immobiliare dell’Iti Fedi Fermi. Immagino che lo sappia quanto meno per sentito dire, visto che nella nostra palestra, lei, non ha mai messo piede. Il riferimento alla collocazione forse avrebbe potuto farle venire in mente che la nostra attività con la gestione degli impianti comunali non c’entra niente".

"Le rammento – conclude Luca Magni – che operiamo da oltre 25 anni in locali della Provincia, che l’impianto non è in gestione, ma condotto in forza di un contratto di locazione, che negli anni abbiamo — a nostra cura — effettuato varie ristrutturazioni, che nel 2018 abbiamo abbattuto tutte le barriere architettoniche e ottenuto la certificazione di palestra SportHabile da parte della Regione Toscana. Spero, caro signor Tripi, che questo breve excursus informativo le possa servire, onde evitarle non solo brutte figure, ma anche di scadere in superficiali e diffamatorie valutazioni di natura morale per le quali mi riservo di adire le competenti autorità".

R.P.