L’ingresso dell’hub di San Biagio (Foto Castellani)
L’ingresso dell’hub di San Biagio (Foto Castellani)

Pistoia, 14 giugno 2021- Torneranno tutti e 36 il prossimo 9 luglio al centro vaccinale di San Biagio. L’azienda sanitaria ha già ricontattato il gruppo di persone che venerdì scorso era transitato nel box dell’infermiera che per errore non ha usato il principio Pfizer durante la vaccinazione di sei cittadini iniettando solo fisiologica.

"Alcuni si sono mostrati un po’ disturbati – spiega Daniele Mannelli, direttore della Società della salute e del centro vaccinale – altri invece hanno capito il problema. Da quel che hanno riferito torneranno tutti e in quell’occasione faremo sia il prelievo per effettuare la conta anticorpale, sia il vaccino. Per 30 persone sarà la seconda dose mentre per i 6 che non hanno ricevuto il siero sarà la prima. I test sul sangue saranno eseguiti nel laboratorio del policlinico di Careggi per riuscire ad ottenere con accuratezza e precisione i movimenti anticorpali".

Tutta la procedura si è resa necessaria dopo che venerdì, alla fine del turno vaccinale e durante il riconteggio delle fiale, l’infermiera di un box si è accorta di averne usata una in meno rispetto al numero di persone vaccinate. L’operatrice aveva erroneamente diluito con soluzione fisiologica una delle fiale già utilizzate, priva di principio attivo.
"L’operazione di diluizione è stata condotta nel rispetto delle norme di sterilità – hanno subito fatto sapere dall’Asl – Le sei persone alle quali è stata somministrata la soluzione fisiologica non corrono alcun rischio, né hanno subito alcun danno dalla somministrazione. Un errore cognitivo che però non pregiudicherà la salute di nessuno. La soluzione fisiologica non è altro che acqua e sale". Nonostante questo, nella giornata di sabato, sono state diverse le persone che hanno contattato l’Asl per sapere se rientravano nel gruppo coinvolto nella procedura errata.

Proprio per verificare le procedure vaccinali e i controlli di sicurezza questa mattina arriverà all’hub Mcl di San Biagio Francesco Venneri, che è il professionista che si occupa del rischio clinico all’interno dell’Asl Toscana centro. Insieme a medici e infermieri si tornerà a fare il punto sulle procedure delle vaccinazioni ed i controlli relativi.

"Tornerà anche martedì – sottolinea Mannelli – In modo che possa essere fatto un approfondimento dell’episodio". Che sarebbe stato attivato il rischio clinico lo aveva già annunciato il direttore dell’Asl Toscana centro Paolo Morello proprio venerdì, a distanza di qualche ora dall’errore: "Sono profondamente dispiaciuto – aveva detto – Mi preme precisare che nessuno degli utenti rischia danni alla propria salute a seguito di somministrazione di soluzione fisiologica. L’azienda, effettuate le indagini di laboratorio necessarie, si farà tempestivamente carico di eseguire nuovo ciclo vaccinale ai sei cittadini".