Ripartire: è la parola d’ordine che ha spinto l’Associazione teatrale pistoiese ad affrontare in modo propositivo il periodo dell’estate e a offrire alla città iniziative culturali variegate, adatte a tutti i gusti e tutte le età. Si chiama Spazi aperti. Ricominciare, in città e in montagna la rassegna che tra musica, cinema, teatro, danza e appuntamenti per i più piccoli, propone un cartellone lungo due mesi, con 24 appuntamenti dal vivo dal 29 luglio al 26 settembre. A impreziosire l’offerta alcuni nomi di spicco del mondo dello spettacolo come Ottavia Piccolo (il 22 settembre al Manzoni), Elio Germano (30 agosto fortezza Santa...

Ripartire: è la parola d’ordine che ha spinto l’Associazione teatrale pistoiese ad affrontare in modo propositivo il periodo dell’estate e a offrire alla città iniziative culturali variegate, adatte a tutti i gusti e tutte le età.

Si chiama Spazi aperti. Ricominciare, in città e in montagna la rassegna che tra musica, cinema, teatro, danza e appuntamenti per i più piccoli, propone un cartellone lungo due mesi, con 24 appuntamenti dal vivo dal 29 luglio al 26 settembre.

A impreziosire l’offerta alcuni nomi di spicco del mondo dello spettacolo come Ottavia Piccolo (il 22 settembre al Manzoni), Elio Germano (30 agosto fortezza Santa Barbara), Giuseppe Cederna (16 settembre fortezza Santa Barbara). A presentare il programma, ieri nella platea del teatro Manzoni, riaperto per l’occasione per la prima volta dal lockdown, Gianfranco Gagliardi, direttore dell’associazione teatrale pistoiese, insieme al sindaco Alessandro Tomasi, a Giovanni Palchetti vicepresidente Fondazione Caript e a Bruno Gori, presidente della Fondazione Firenze radioterapia oncologica che sono tra i curatori e promotori dell’iniziativa.

Ad anticipare in calendario gli eventi live, la novità dell’arena Pistoia grande schermo di piazza del Duomo, che darà spazio al cinema: 18 serate sotto le stelle, da metà luglio all’11 agosto. La prima proiezione mercoledì 15 luglio, con Jojo Rabbit, di Taika Waititi. La visione dei film potrà tra l’altro essere prenotata e acquistata da imprenditori o ristoratori che volessero offrirla ai propri clienti.

Ma numerosi sono gli spazi della città che ospiteranno gli spettacoli, dalla fortezza Santa Barbara, alla villa Storonov, dalla piazza dello Spirito Santo al chiostro di palazzo San Gregorio, senza tralasciare i teatri.

Il Manzoni infatti riaprirà per la prima volta al pubblico dal 27 al 29 agosto con tre concerti dell’orchestra Leonore dedicati a Beethoven e, sulla montagna pistoiese, il Mascagni di Popiglio e l’Aula Verde del Serrettone a Cutigliano, proporranno a fine agosto alcuni titoli che erano già in cartellone nella stagione di prosa sospesa per l’emergenza sanitaria nazionale (il primo al Mascagni venerdì 21 agosto alle 21.15 con Shakespearology, concept e regia di Sotterraneo).

Il cartellone degli spettacoli dal vivo si apre all’insegna della musica, con la prima delle 8 serate dedicate a questa forma d’arte: mercoledì 29 luglio (ore 21.15), nel chiostro di palazzo San Gregorio ci sarà il concerto dell’ensemble Le Musiche di Simone Bernardini (componente dei Berliner Philharmoniker) per Musica nei Borghi, a cura dell’Associazione Opera Barga e in collaborazione con Istituti Raggruppati, con brani di Beethoven, Schubert e Benedetto Marcello.

Alla Fortezza Santa Barbara tra i vari appuntamenti sia con il teatro che con la musica approda anche il jazz in due date: la prima è mercoledì 26 agosto (ore 21.15) quando si esibirà Fabrizio Bosso, noto trombettista di talento, insieme a Nico Gori al clarinetto e sassofono, Massimo Moriconi al contrabbasso, Ellade Bandini alla batteria, Piero Frassi al pianoforte e Stefania Scarinzi voce. L’evento è targato Serravalle Jazz, recuperato dopo che questo era stato annullato per l’emergenza sanitaria.

Daniela Gori