Una studentessa in classe con la mascherina (foto di repertorio)
Una studentessa in classe con la mascherina (foto di repertorio)
Il primo giorno di zona arancione profuma di un piccolo passo verso la normalità con maggior libertà di movimento. Oggi riaprono i negozi d’abbigliamento, parrucchieri e centri estetici, mentre restano sospese le attività di ristorazione (eccetto asporto e consegne), palestre, cinema, musei e teatri. Ma riaprono soprattutto le scuole. Dopo più di un mese di stop anche gli studenti di seconda e terza media e fino al 50 per cento alle scuole superiori torneranno a occupare i propri banchi in classe. Un obiettivo che tanti ragazzi e docenti stavano aspettando e l’auspicio è che ora l’anno...

Il primo giorno di zona arancione profuma di un piccolo passo verso la normalità con maggior libertà di movimento. Oggi riaprono i negozi d’abbigliamento, parrucchieri e centri estetici, mentre restano sospese le attività di ristorazione (eccetto asporto e consegne), palestre, cinema, musei e teatri. Ma riaprono soprattutto le scuole. Dopo più di un mese di stop anche gli studenti di seconda e terza media e fino al 50 per cento alle scuole superiori torneranno a occupare i propri banchi in classe. Un obiettivo che tanti ragazzi e docenti stavano aspettando e l’auspicio è che ora l’anno scolastico prosegua senza nuove interruzioni fino al 10 giugno. Saranno più di 3mila gli studenti delle superiori che torneranno in classe questa mattina nel comune di Pistoia, altrettanti quelli delle medie che si aggiungono quindi ai 5mila bambini delle scuole dell’infanzia e 12mila alunni della primaria in provincia. Le scuole superiori accoglieranno metà degli studenti iscritti, l’altra metà (a rotazione) invece continuerà a seguire le lezioni in modalità telematica. Il numero più importante degli ingressi si registreranno all’istituto Pacini di corso Gramsci dove entreranno a partire dalle 7.30, 670 studenti e al Fedi-Fermi di viale Adua che registrerà l’accesso di 700 studenti. Per quanto riguarda le altre scuole, al Pacinotti-De Franceschi torneranno in presenza 350 studenti, mentre al liceo Forteguerri saranno in presenza 439 studenti. Spostandoci in via Pacinotti, all’istituto Einaudi entreranno in classe circa 300 studenti mentre al liceo scientifico Duca D’Aosta invece si terranno le lezioni in presenza per 455 studenti. Al liceo artistico Policarpo Petrocchi saranno in presenza 80 studenti nella sede di Quarrata e 90 studenti in quella di Pistoia. Infine, l’istituto Mantellate riaprirà le porte della scuola superiore per 70 studenti. Caso particolare quello del De Franceschi Pacinotti dove la Dad resterà al 100 per cento per "problemi organizzativi" dovuti alla sanificazione di alcune stanze interdette dopo i casi Covid. Stamattina però andranno in presenza, "sicurezza garantita – assicura la preside Concetta Saviello –, i ragazzi del corso di lingua per stranieri e quelli di un progetto sul riciclo che si svolgerà all’aria aperta". Impossibile invece accogliere i numeri che comporterebbe una Dad al 50 per cento. Mercoledì il punto della situazione con l’Asl.

Se il piano studiato per i trasporti scolastici nel mese di gennaio è stato confermato sempre questa mattina sono previste 120 corse che collegheranno le principali località della provincia di Pistoia con gli istituti scolastici. "Tali corse vengono effettuate con 24 autobus turistici, con loghi e colori delle aziende di noleggio (prevalentemente bianchi) – spiegava Copit negli scorsi mesi quando è partita la nuova organizzazione del sistema trasporti –. Per accedere alle corse effettuate con bus turistici è necessario dotarsi preventivamente di valido titolo di viaggio BluBus".

Michela Monti