Pistoia, 27 agosto 2018 - Chiuso per problemi di sicurezza il centro di accoglienza dei migranti di Vicofaro. A comunicarlo al parroco, don Massimo Biancalani, una lettera della prefettura che a seguito dei controlli dei giorni scorsi dei vigili del fuoco e dell'Asl ha imposto al sacerdote di liberare immediatamente i locali dove vivono attualmente i 12 migranti inseriti nel progetto.

LA DIOCESI: "SITUAZIONE SERIA". ENRICO ROSSI INCONTRA DON BIANCALANI PER FARE IL PUNTO (aggiornamento)

LA VIDEOINTERVISTA (clicca qui)

Scatteranno già nelle prossime ore i trasferimenti per i migranti "ufficiali" inseriti nel progetto: 7 andranno a Ramini, uno a Marliana e gli altri troveranno rifugio a casa di don Biancalani.

La chiusura del centro dovrebbe essere provvisoria: don Biancalani ha già dato mandato a un tecnico di effettuare i lavori per permettere il rientro dei migranti nella struttura di Vicofaro.

Destino ignoto, invece, per il centinaio di ospiti "fuori progetto" che gravitavano intorno alla struttura e che rischiano di finire in mezzo a una strada.

'Abbiamo subito tanti controlli in poche settimane, a volte penso che sia assurdo - ha detto il sacerdote - Il centro è a norma, come era stato certificato lo scorso aprile. I problemi sono nei locali sotto dove dormono i ragazzi presi dalla strada'. 

In serata carabinieri e polizia municipale sono andati e Vicofaro per controllare che la situazione fosse nella norma.