Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
20 gen 2022

Bar, ristoranti e negozi: è un altro lockdown "Pochi clienti, pronti a rivedere gli orari"

C’è chi è costretto a buttare il cibo che avanza e chi sta pensando di chiudere prima per non pagare maxi bollette dell’energia "Sembra di essere nel 2020, solo che stavolta non arriveranno ristori. E nessuno può sapere quando tornerà la vita normale"

20 gen 2022
Sempre più spesso ci sono tavoli vuoti nei pubblici esercizi cittadini a causa della nuova ondata di Covid
Sempre più spesso ci sono tavoli vuoti nei pubblici esercizi cittadini a causa della nuova ondata di Covid
Sempre più spesso ci sono tavoli vuoti nei pubblici esercizi cittadini a causa della nuova ondata di Covid
Sempre più spesso ci sono tavoli vuoti nei pubblici esercizi cittadini a causa della nuova ondata di Covid
Sempre più spesso ci sono tavoli vuoti nei pubblici esercizi cittadini a causa della nuova ondata di Covid
Sempre più spesso ci sono tavoli vuoti nei pubblici esercizi cittadini a causa della nuova ondata di Covid

Omicron continua a tenere stretta nella sua morsa l’Italia, Pistoia compresa. E a pagarne le conseguenze sono (anche) le attività economiche, sia del centro che della periferia. In giro infatti c’è il vuoto: sono pochi quelli che vanno a passeggio, ancora meno quelli che entrano in negozi, bar e ristoranti. Una vera e propria catastrofe questo inizio di 2022 per gli esercizi commerciali. Con le persone chiuse in casa perché contagiate oppure per via di un contatto con un positivo, l’economia della città si è completamente bloccata, con il rischio sempre più concreto di un collasso se qualcosa non dovesse cambiare a stretto giro. Basti pensare che i titolari sono costretti a fare i conti con un giro di clienti in alcuni casi davvero in picchiata: -50% rispetto alle scorse settimane. Lo dice ad esempio Francesca La Mattina della bottega alimentare Pan di Zucchero sulla Sala: "Sia durante la settimana che nel weekend non si vede passare praticamente nessuno. Ultimamente la situazione è peggiorata tantissimo dal punto di vista delle presenze in centro. Alla fine della giornata mi tocca sempre buttare via un sacco di prodotti rimasti invenduti. Prima ad esempio tenevo 100 chili di pane e finivano senza problemi. Adesso ne ho massimo 30 e alcune volte faccio fatica a smaltirli". La musica non cambia ascoltando la testimonianza di Giuseppe Treno, detto "Pino", del Caffè Duomo. "Il numero di persone che entrano nel locale si è dimezzato purtroppo. Fra chi è costretto all’interno delle proprie mura domestiche dal Covid-19 e chi ha paura del virus, sembra di essere tornati a quando eravamo in lockdown. Sinceramente non so quanto dovremo attendere prima di riprendere a lavorare in una condizione di normalità". Gli orizzonti non sono certo incoraggianti secondo Rosita Natola, titolare del ristorante Pochi Intimi in via del Lastrone: "Temo che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?