Agliana (Pistoia),12 marzo 2018 - Un bimbo che frequenta il nido comunale giovedì mattina è uscito ed è stato ritrovato nel vicino parco Pertini. Il piccolo che, da quanto si è appreso, avrebbe circa due anni, senza che nessuno se ne accorgesse, è uscito, ha attraversato il parcheggio e la strada ed è entrato nel parco.

E’ stato notato da alcune persone che, quando si sono rese conto che il piccolo era da solo, hanno chiamato i carabinieri che subito l’hanno condotto nel vicino nido accertando che si trattava di un piccolo che frequentava la struttura. Il bambino è stato poi affidato ai genitori, ma sull’episodio, certamente grave, sono in corso accertamenti.

La notizia si è diffusa anche sui social, dove non sono mancate le manifestazioni di preoccupazione di alcune mamme per la sicurezza dei loro figli. «Nessuno all’interno della struttura si è accorto della sua assenza – scrive una mamma –. Non sarò certo io ad addossare responsabilità a chi ha permesso che ciò accadesse.

Ma la facilità con cui un bimbo così piccolo sia riuscito ad uscire da una struttura che dovrebbe essere a prova di bambino, fa molto riflettere sulla sicurezza della struttura stessa. E questo a mio parere è inaccettabile. E rabbrividisco al solo pensiero di ciò che sarebbe potuto succedere».

«Concordo che la struttura non sia sicura a prova di bambino e che ci deve essere più sicurezza. Se non ci sono i soldi – aggiunge un’altra mamma sempre sui social – potrebbero rivolgersi ad associazioni di volontariato. Cose del genere non devono assolutamente accadere».

Da quanto si è potuto apprendere, venerdì pomeriggio sono stati convocati dal Comune i genitori della sezione frequentata dal bambino.

«C’erano l’assessore all’istruzione e la coordinatrice del nido, insieme al personale – racconta una mamma – e ci hanno spiegato che c’è molta attenzione alla sicurezza dei bambini e che, probabilmente, il piccolo è uscito da una porta che forse è rimasta per un poco aperta. Ma siamo molto preoccupati per quanto è accaduto. Il bambino poteva essere investito da un’auto, oppure poteva arrivare fino al lago che si trova nel parco».