Pistoiese-Novara (foto Acerboni/FotoCastellani)
Pistoiese-Novara (foto Acerboni/FotoCastellani)

Pistoia, 21 ottobre 2018 - Il Novara conquista i 3 punti senza dannarsi troppo: la Pistoiese di questo avvio di torneo è davvero poca cosa. Adesso la panchina di Indiani non traballa soltanto: è in preda a una autentica tempesta. Primo tempo dai due volti: inizio choc per gli arancioni, sotto di due reti dopo appena 14 minuti, lenti e impacciati, con i piemontesi a giostrare a proprio piacimento; dal 25’ in poi è invece la squadra di casa a menare le danze, ottenendo pure un paio di palle-gol. Gli ospiti, invece, trotterellano: parrebbero gestire il vantaggio solamente, senza tentare di impensierire la retroguardia avversaria. Pronti, via e praticamente alla prima vera azione, il Novara passa.

Al 7’ punizione dubbia dalla trequarti sinistra conquistata da Stoppa: calcia Pompeu Da Silva, che trova la testa di Eusepi, solo soletto in area di rigore, che spizza il pallone e insacca alle spalle di un incerto Meli. Al 14’ il raddoppio è una magia del solito Eusepi, che s’inserisce centralmente, si porta avanti il pallone con due tocchi di suola (difesa arancione schierata a presepe, avrebbe detto il grande Beppe Viola) e insacca con un sinistro chirurgico in diagonale alla sinistra di Meli. Al 23’ il Novara reclama un penalty per un intervento scomposto di Cagnano ai danni di Schiavi: l’arbitro fa proseguire il gioco. Al 32’ primo squillo arancione: Cellini conclude nei sedici metri, mettendo la sfera fuori da pochi passi.

Al 42’ Vitiello batte a colpo sicuro dai 10 metri, ma un difensore s’immola e salva l’1-2.

Pronti, via nella ripresa e Pompeu fa un paio di falli: sul secondo ha la peggio Picchi, costretto a farsi fasciare la testa dal medico di casa. Indiani prova con le sostituzioni (dentro Fanucchi per Cellini e Latte Lah per uno spento Llamas). Ma non succede nulla: non un tiro in porta che sia uno, né da parte della Pistoiese né da parte novarese.

Il finale è sconsolante, con il direttore di gara che si erge a protagonista, cacciando un paio di calciatori del Novara (uno dalla panchina, l’infortunato Chiosa) e sventolando cartellini. Il Novara conclude stoicamente in 8 unità per l'infortunio di Visconti e l'espulsione di Pompeu Da Silva, ma la Pistoiese non riesce a calciare una volta che sia una verso la porta avversaria. Incredibile, ma vero. Ora è crisi nera.

Il tabellino:

0-2
PISTOIESE (3-5-2): Meli; El Kaquakibi (29’ st Muscat), Ceccarelli, Cagnano; Regoli, Vitiello, Picchi, Luperini, Llamas (11’ st Latte Lah); Cellini (11’ st Fanucchi), Rovini (29’ st Forte).
A disp: Crisanto, Terigi, Dossena, Tartaglione, Rafati, Dosio, Cerretelli, Pagnini.
All. Indiani
NOVARA (3-5-2): Di Gregorio; Cinaglia, Sbraga, Chiosa (26’ pt Tartaglia); Schiavi (15’ st Bove), Bianchi, Peralta (32’ st Cacia), Pompeu Da Silva, Visconti; Eusepi, Stoppa (15’ st Mallamo).
A disp: Benedetti, Marricchi, Fonseca, Manconi, Sansone, Nardi, Migliavacca, Cattaneo.
All: Viali
Arbitro: Longo di Paola
Marcatori: 7’ pt Eusepi, 14’ pt Eusepi
Note: giornata serena, temperatura 23°. Spettatori circa 850 per un incasso di quasi 6 mila euro. Espulsi: 39’ st Cinaglia per somma di ammonizioni, 41’ st Chiosa per proteste, 45' st Pompeu Da Silva per proteste e 45' st Marricchi per proteste dalla panchina. Ammoniti: Rovini, Muscat (Pistoiese), Cinaglia, Mallamo, Di Gregorio (Novara). Angoli 2-2. Recuperi 2’ pt + 6’ st. Usciti per infortunio: Chiosa (poi espulso dalla panchina), Visconti.