Maurizio Alberti
Maurizio Alberti

Pisa, 8 febbraio 2019 - Una coreografia speciale e una sciarpa dedicata tutta per lui. Maurizio Alberti, l'ultras nerazzurro scomparso l'8 febbraio '99 per le conseguenze di un malore accusato sugli spalti del “Picco” di La Spezia, se n'è andato venti anni fa. E da allora non passa praticamente domenica senza che i gruppi della Nord lo ricordino. Per quello strisicione -”Mau Ovunque”- che i tifosi nerazzurri hanno portato in tutti gli stadi in cui il Pisa ha giocato da quel tragico giorno prima di tutto. Perchè c'è un torneo, che manco a dirlo si chiama proprio “Mau Ovunque”, che ogni fine giugno, dall'estate del 2000, si gioca al campo sportivo di Gagno e a cui partecipano tutti i gruppi della Curva Nord, nessuno escluso. Ce ne sono stati migliaia d'iniziative ed eventi per ricordare questo ragazzo morto in uno stadio per seguire quei colori nerazzurri che aveva accompagnato ovunque e che forse, poteva essere salvato. Gesti piccoli, come quel coro che non manca mai ogni domenica , ma anche grandi: perché a Pisa, quasi da allora, il cuore pulsante della tifoseria porta il suo nome e si chiama “Curva Nord Maurizio Alberti”.Non solo. E' “Di Mau” anche il parco accessibile inaugurato proprio un mese fa lungo il viale delle Piagge, fortemente voluto dai gruppi ultras che lo hanno anche in parte finanziato con collette allo stadio e altre iniziative arrivando a raccogliere fino a 70mila euro.

Figurarsi, dunque, se una ricorrenza come il ventennale poteva passare inosservata o essere ricordata solo con uno striscione e qualche coro. Maurizio Alberti, che faceva parte dei Rangers, con i gruppi della Nord è nato e, purtroppo, è pure venuto a mancare. Ma domenica ci sarà ancora. Anzi, sarà il protagonista. Il comunicato lascia poco spazio ai dubbi: «Venerdì 8 Febbraio ricorre il ventennale della scomparsa – scrivono i gruppi della Nord – e non sembra possibile che siano già passati 20 anni da quel tragico giorno. Incredibile. Vogliamo rendergli omaggio a modo nostro, con una coreografia, e con una sciarpa dedicata. Per questo, invitiamo tutti i tifosi ad essere presenti allo stadio. E’ importante. Raccomandiamo di arrivare prima possibile e di entrare per tempo per facilitare la preparazione». Sono le stesse raccomandazioni delle partite delle coreografie importanti, quelle che hanno fatto conoscere la tifoseria nerazzurra in tutta Italia, il “vestito” che si mette l'Arena nelle occasioni in cui c'è da fare la differenza. La farà anche domenica. Stavolta per Maurizio. E prima di entrare la sciarpa: «Sarà disponibile presso i banchetti dove solitamente è in vendita il materiale della Curva Nord, sia fuori dallo stadio, nel pre-partita, sia dentro, tra il primo e il secondo tempo. Il ricavato andrà alle tante iniziative realizzate nel nome e nel ricordo di Maurizio».