Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Caos Calcio, il presidente Corrado insiste: ''Sbagliato rinviare l'inizio dei campionati'

Il patron del Pisa non condivide la linea del numero uno della Lega Pro Gabriele Gravina: "Dobbiamo partire e giocare, azzerare il passato e guardare avanti con fiducia e la volontà assoluta di cambiare regole e interpreti''

Ultimo aggiornamento il 22 agosto 2018 alle 08:48
Il presidente del Pisa Giuseppe Corrado

Pisa, martedì 21 agosto 2018 - «Confermo che, a mio avviso, rinviare l'inizio dei campionati servirà solo ad alimentare ulteriore caos: dobbiamo partire e giocare, azzerare il passato e guardare avanti con fiducia e la volontà assoluta di cambiare regole e interpreti» Il presidente del Pisa Giuseppe Corrado non cambia idea: il sistema calcio deve rimettersi subito in funzione, altrimenti il rischio è perdere anche quel poco di credibilità che è rimasta. Non lo convince la posizione del numero della Lega Pro Gabriele Gravina, fermo nel chiedere uno slittamento della serie C a metà settembre dopo le decisioni del Collegio di Garanzia del Coni sui ripescaggi in cadetteria: lo aveva detto tre giorni fa e lo ribadisce oggi, dopo l'intervista dello stesso Gravina a La Nazione e anche dopo una lunga chiacchierata telefonica con il “numero” della terza lega del calcio professionistico italiano. E lo dirà anche ll'assemblea della Lega che sarà chiamata proprio a prendere una decisione sull'inizio dei campionati.

Presidente, perché a suo avviso è necessario ricominciare subito?
«Per non aggiungere altra confusione in un'estate fatta soprattutto di decisioni, sentenze, ricorsi, controricorsi, appelli e contro appelli. Sembra quasi che in pochi mesi sia successo il finimondo, un terremoto che ha sconvolto il sistema ...».

Non è così?
«Io la vedo diversamente: mi pare che in realtà si sia solo cominciato ad esaurire un sistema perverso di gestione delle società e del movimento ...».


Ossia?
«E' semplicemente accaduto che, in una situazione di regole non precise, chi ha avuto l’opportunità di “sentirsi danneggiato”. ha cominciato a fare le proprie rivendicazioni con l’obiettivo di alimentare la confusione e sperare di ottenere qualcosa ...».

E' cosi che si è arrivati al tutti contro tutti di oggi?
«Direi di sì. Ognuno propone le sue ragioni e soluzioni. Eppure nessuno pensa al patrimonio più importante del calcio che sono i milioni di tifosi e appassionati ...».

Continuare a rinviare, quindi, secondo lei sarebbe una mancanza di rispetto soprattutto nei loro confronti?
«Assolutamente. Io sono convinto che continuare a prendere tempo con lo scopo di curare ognuno i propri interessi servirà solo a peggiorare la situazione e a perdere il consenso della gente, degli sponsor e dei media ...».

Quindi?
«Quello che ho già detto e ribadisco. meglio un correttivo a un campionato iniziato e poi eventualmente modificato nelle squadre partecipanti da una decisione successiva dei giudici, piuttosto che un campionato che continua a ritardare l’inizio a causa di problematiche e di ripicche che derivano da un malessere che ha inficiato il movimento calcistico italiano e le competizioni da molti anni e che, in questa stagione, ha solo manifestato i primi epiloghi negativi. Tutti a turno sono stati danneggiati e, forse, hanno causato danni ad altri».

Dunque come se ne esce?
«Facendo i calendari e iniziando i campionati: bisogna fare tabula rasa del passato e guardare avanti con fiducia. Con una sola ma ineludibile condizione: è necessaria una volontà ferma di cambiare regole e interpreti del sistema calcio. Se proprio devo dirlo, sarebbe questa per me la soluzione migliore per dare un segnale di discontinuità».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.