Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Pisa, l’assessore accusato di stalking resta. Respinta la sfiducia ma è bagarre / FOTO

Consiglio comunale movimentato: fuori donne vestite di rosso hanno protestato contro la nomina

di GABRIELE MASIERO
Ultimo aggiornamento il 1 agosto 2018 alle 10:43
Le donne schierate con le magliette rosse e l'assessore (Foto Valtriani)

Pisa, 1 agosto 2018 - L'esito non è mai stato in bilico. Era scontato e alla fine il copione è stato rispettato. La maggioranza ha respinto la mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni contro l’assessore alla cultura Andrea Buscemi, a causa della sua vicenda personale relativa a un’accusa di stalking in seguito alla denuncia presentata alcuni anni fa dalla sua ex fidanzata.

A favore della sfiducia hanno votato le opposizioni di sinistra, il Pd e il M5S (Veronese era già andato via) mentre la maggioranza compatta ha votato no «salvando» il suo assessore che in aula si è difeso ricordando che la sua vicenda processuale è «in attesa del terzo grado di giudizio dopo un’assoluzione piena in primo grado e un non luogo a procedere per intervenuta prescrizione in appello: sentenza contro la quale ho fatto ricorso in Cassazione proprio per affermare pienamente la mia innocenza».

Eppure, i toni del dibattito sono stati subito alti. Il primo a parlare è Ciccio Auletta, presentatore della mozione di sfiducia, fatta propria anche dal resto delle opposizini. «Mi rivolgo al sindaco Michele Conti – ha detto Auletta – perché solo lui è il responsabile del messaggio che si vuole dare alla cittadinanza. Bisogna stare attenti a inviare messaggi sbagliati o peggio atteggiamenti di complicità sulla violenza di genere. Del resto un appello in questo senso è arrivato anche da donne non appartenenti al mio schieramento politico come il ministro Giulia Bongiorno e la parlamentare Mara Carfagna».

Sulla stessa falsariga gli interventi di Olivia Picchi e Giuliano Pizzanelli del Pd. Accuse respinte al mittente dalla maggioranza. Per Paolo Cognetti (Lega) è «una strumentalizzazione da chi non vuole accettare la sconfitta elettorale, Buscemi prima di essere nominato assessore è stato candidato e votato tanto da risultare eletto tra i più votati con la Lega».

Si spinge oltre Gino Mannocci (Pisa nel cuore), che di mestiere fa l’avvocato e alla fine del suo intervento sveste i panni del politco per indossare quelli del difensore all’americana: «Votiamo no alla mozione perché per noi Andrea Buscemi è non colpevole».

«Non è un'aulta di tribunale questa – replica Auletta – qui si fa politica ed è di questi atti che siete chiamati a rispondere». La maggioranza non ci sta e alza la voce. E’ bagarre. Latrofa ruggisce dai banchi della giunta contro Auletta: «Prendi i voti e la prossima volta ti siedi di qua, Ciccio. Ora facci lavorare».

Conti, fuori dall’aula durante tuta la difesa di Buscemi, prova a svicolare altre possibili trappole. Ma la situazione rischia di degenerare davvero quando il neopresidente Gennai, che dal momento della sua elezione non si è mai sfilato la fascia biancorossa di presidente (però diteglielo che si indossa per le cerimonie e non in aula) minaccia di espellere proprio Auletta invitando i vigili urbani a «prelevare» il consigliere per portarlo fuori dalla Sala Regia. Conti capisce che non è il caso e invita Gennai a ritornare sui suoi passi. Nei banchi del Pd si scuote la testa, la Lega invece esulta e chiede l’espulsione. Restano di pietra i consiglieri di Forza Italia e Nap-Fdi. Alla fine Gennai dà ordine agli agenti della polizia municipale di soprassedere: «Meno male», sibila una vigilessa. Si vota. Buscemi è salvo. «Contro di me è in atto una mistificazione politica – dice l’assessore – propagandata con stralci di atti giudiziari manipolati ad arte.Si vuole sovvertire l’esito dei processi e anche quello del voto popolare».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.