Pisa, 17 maggio 2018 - Una tomba di era preistorica è stata scoperta nei giorni scorsi a Guardistallo, nel Pisano. La sepoltura risalirebbe al 3500-3000 avanti Cristo. Lo ha confermato il Soprintendente di Pisa, Andrea Muzzi. «Si tratta di un ritrovamento eccezionale - spiega Muzzi - che è stato possibile effettuare grazie alla segnalazione di un privato che sul suo terreno aveva individuato alcuni piccoli resti riconducibili a una sepoltura.

Nella tomba è stato recuperato anche uno scheletro, oltre a punte di frecce e un'ascia che fanno parte del corredo della sepoltura stessa». Guardistallo è un piccolo comune della Val di Cecina e già nei primi anni del Novecento furono rinvenute risalenti al periodo eneolitico (3000-2000 a.C.), la cosiddetta età del rame, contenenti principalmente asce, pugnali di rame, punte di freccia che dimostrano come il territorio fosse abitato già in età preistorica.

Quei reperti sono conservati al Museo Guarnacci di Volterra ( Pisa), mentre quelli ritrovati nei giorni scorsi, conclude Muzzi, «sono stati prelevati dagli archeologi per proteggerli dal rischio o di essere deteriorati dagli agenti atmosferici e si trovano nella disponibilità della Soprintendenza per sottoporli a ulteriori studi»