Il team RoboHack-Galaxy, formato da studenti dell’Università di Pisa e del Politecnico di Milano, ha vinto l’eManuthon, il primo hackathon italiano sul manifatturiero promosso dall’AITeM (Associazione Italiana delle Tecnologie Manifatturiere) in collaborazione con due imprese del settore, CIM 4.0 e Cosberg. Paolo Mattioni, 23 anni di La Spezia, e Andrea Morante, 24 anni di Pisa, entrambi iscritti al corso di laurea magistrale in Ingegneria gestionale dell’Ateneo pisano, hanno partecipato alla gara insieme a tre studenti del Politecnico di Milano (Francesco Giuseppe Augello, 24 anni di Foggia, Francesco Bucci, 22 anni di Pescara, e Roberto La Commare, 23 anni di Roma).

I partecipanti all’emanuthon, che si è svolto in modalità a distanza il 17 e 18 dicembre, erano chiamati a sviluppare in gruppo, collegati attraverso una piattaforma di comunicazione, un’idea, un progetto o un nuovo servizio che potesse rappresentare una challenge futura per aziende del settore manufacturing. All’evento hanno preso parte circa 60 persone, tra studenti e dottorandi, provenienti da moltissime università italiane.

La squadra di Mattioni e Morante ha trovato un’idea per la risoluzione di problemi legati all’additive manufacturing, ovvero, nel caso dell’impresa CIM4.0, creando un network di condivisione dei macchinari tra le sotto-imprese collaboranti, al fine di ottimizzare i costi e i tempi di non lavoro delle macchine, per ridurre i costi di possesso e implementare la predictive maintenance.