Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Con lo scooter contro il palo della luce: morto pony express

L'uomo di 30 anni è morto per le gravissime ferite riportate in un incidente stradale

Ultimo aggiornamento il 6 settembre 2018 alle 17:08
Un'ambulanza (foto di repertorio)

Pisa, 6 settembre 2018 - Un pisano di 30 anni è morto martedì sera in ospedale a Pisa in seguito alle gravissime ferite riportate in un incidente stradale avvenuto poco prima: l'uomo stava viaggiando in scooter quando ha urtato un lampione della luce che costeggia la carreggiata. Sull'episodio indagano i carabinieri che hanno escluso il coinvolgimento di altri veicoli. La vittima, Maurizio Cammellini, lavorava come pony express consegnando pizze a domicilio e sono in corso accertamenti per chiarire la sua posizione lavorativa alle dipendenze di una pizzeria cittadina. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri che hanno effettuato i rilievi dell'incidente, Cammillini ha perso il controllo dello scooter dopo una svolta a sinistra ed è andato a urtare a velocità sostenuta il lampione.

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindacato generale di base di Pisa che denuncia le precarie condizioni di lavoro dei pony express: «Sono lavoratori a cottimo, senza generalizzare molti di loro a nero, non sono più solo giovani studenti bisognosi di reddito per integrare i bilanci familiari. Sarebbe il caso di guardare con attenzione alle condizioni di vita di questa forza lavoro precaria. Si corre da un angolo all'altro della città perché spesso si viene pagati in base alle consegne e aumentandone il numero riesci a racimolare una cifra dignitosa. Invece di parlare di fato o disgrazie bisognerebbe guardare a questi lavori con un occhio critico: vedere tempi e modalità di lavoro, condizioni dei mezzi, disposizioni fornite dai datori di lavoro, garantire contratti regolari e pagamenti orari e non a cottimo».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.